Mistero

Piper dell’Aero Club di Savona precipita in Albania, pilota coinvolto in un giallo internazionale fotogallery

Il sospetto è che l'aereo possa essere stato utilizzato nei campi fra Bari e Brindisi, ovvero le piste segrete per gli aerei dei clan con armi e droga

Villanova d’Albenga. Un Piper dell’Aero Club di Savona e della Riviera di Ponente, il PA-32 Saratoga TC, è al centro di un vero e proprio giallo internazionale che vede come protagonista  Guido Andrea Guidi, 69 anni, pilota professionista di Milano. Il velivolo, un Piper da sei posti, era decollato mercoledì scorso dall’aeroporto Clemente Panero di Villanova d’Albenga e dopo aver fatto scalo a Cremona e Castel del Monte, in Puglia, ieri pomeriggio avrebbe dovuto fare ritorno in Italia sempre a Villanova.

Invece al velivolo, comandato da Guidi, è successo qualcosa di decisamente strano: è rimasto bloccato in Albania dopo l’atterraggio di fortuna su un campo lontano dalle zone abitate, nella località di Ishem, poco più di 30 chilometri a nord di Tirana. Secondo quanto accertato dalle autorità locali il Piper ha subito danni sulla coda, mentre l’ala sinistra si è spezzata. Il pilota ha dichiarato di essere stato costretto a un atterraggio di emergenza a causa di un’avaria. I giornali locali scrivono, invece, che Guidi potrebbe essere coinvolto nel narcotraffico.  In sostanza il pilota avrebbe sorvolato la zona di Ishëm per esaminare una pista di fortuna. Voci non confermate parlano del possibile trasporto, in un momento successivo, di un grosso carico di marijuana.

La polizia tuttavia ha poi dichiarato di non aver trovato tracce di carichi di droga a bordo anche se quella zona è conosciuta per essere la terra dei “narcos dei cieli”, che si servono degli aerei di basso cabotaggio, velivoli che sfuggono ai radar. E non è da escludere che la deviazione dallo scalo pugliese all’Albania dovesse servire per effettuare un sopralluogo. Fonti giornalistiche dicono che si trattava di un volo test in vista di un trasporto di droga.

Nei suoi confronti non c’è ancora nessun provvedimento cautelare, ma è stato sottoposto ad interrogatorio da parte degli inquirenti al quale avrebbe raccontato come sono andati i fatti. Il sospetto è che l’aereo possa essere stato utilizzato nei campi fra Bari e Brindisi, ovvero le piste segrete per gli aerei dei clan con armi e droga. La procura sospetta che questa storia sia collegata ad un altro incidente con un aereo precipitato il 9 maggio 2014 sulla spiaggia di Divjaka. Le indagini avevano poi rivelato che stava trasportando circa 400 chilogrammi di cannabis.

leggi anche
aereo caduto in albania
Intrigo internazionale
Piper caduto in Albania, il presidente dell’Aero Club Zunino: “Nessuna notizia ufficiale, attendiamo chiarimenti”
aereo caduto in albania
Il giallo internazionale
Piper dell’Aero Club di Villanova caduto in Albania, spunta la pista dei “narcos”
guido andrea guidi
Il giallo continua
Lettera dall’Aero Club di Savona all’Ambasciata in Albania: “Rivogliamo il nostro aereo”
guido andrea guidi
Il giallo del piper
Aereo “sequestrato” in Albania, nessuna risposta dall’Ambasciata italiana
guido andrea guidi
Il giallo del piper
Aereo “sequestrato” in Albania, tempi lunghi per la restituzione del Piper sotto sequestro
piper saratoga
L'intervento
Piper “sequestrato” in Albania, il presidente Zunino: “Ingiusto infangare il nome dell’Aero Club”
piper saratoga
Silenzio assoluto
Bocche cucite dall’Albania, il “Piper” dell’Aero Club di Villanova resta sotto sequestro

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.