IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mattarella viene a Savona, ma i savonesi non vanno da Mattarella fotogallery

Imponente schieramento di forze dell'ordine e di organi di informazione: mancavano solo i cittadini

Stella/Savona. Duecento persone a Stella, centocinquanta a Savona. Questo il numero, a spanne, di cittadini accorsi per vedere e salutare il Presidente della Repubblica Mattarella: cifre che dipingono uno scenario quantomeno “minimalista”. E che lascia interdetti.

Già negli scorsi giorni la sensazione, tra gli addetti ai lavori, era quella di una generale “freddezza” da parte dei savonesi nei confronti della visita del Capo dello Stato. Nonostante l’inchiostro speso per annunciarne l’arrivo, gli articoli con il programma dettagliato e gli avvisi di rimozione, in molti sembravano non sapere che la massima carica della Repubblica era in arrivo sotto la Torretta. Tanto che, addirittura, a Stella è stato necessario rimuovere alcune auto, appartenenti a residenti che evidentemente si erano “persi” la notizia.

E così a salutare Mattarella sono stati veramente in pochi. Una trentina scarsa di persone lo ha visto partire stamattina dal Mare Hotel di via Nizza a Savona; a Stella è andata “meglio”, circa duecento in totale nel percorso tra il cimitero e la casa di Pertini. I numeri di Savona sono ancora più sconcertanti: una cinquantina di persone all’interno della Fortezza del Priamar, un’ottantina scarsa all’esterno.

Al conteggio, a voler essere magnanimi, si possono aggiungere un pullman giunto dall’Abruzzo a Stella (che però, evidentemente, non poteva essere pieno di savonesi) e tre scolaresche “schierate” sul Priamar incaricate dal cerimoniale di accogliere il Presidente. Mentre non possiamo certo includere le persone che “dovevano” essere presenti: gli agenti delle varie forze dell’ordine, i giornalisti, i cineoperatori e i rappresentanti delle istituzioni. Il paradosso, in realtà, è che nel piazzale della Fortezza il numero di sindaci presenti era probabilmente pari, se non superiore, a quello dei “cittadini comuni”.

La cronaca “live” della visita di Mattarella

L’imponente dispositivo di sicurezza messo in campo, insomma, si è rivelato alla fine più che adeguato, fin eccessivo. Difficile capire le ragioni di tanta freddezza da parte dei savonesi: il sindaco Ilaria Caprioglio ha tentato di difenderli, spiegando che “Mattarella è arrivato al Priamar venti minuti prima del previsto, e molte persone quindi sono rimaste bloccate all’esterno”. Appunto le 80 circa che hanno atteso fino al termine della cerimonia per veder sfilare l’auto presidenziale.

Anche il protocollo scelto da Mattarella, o dal suo staff, può aver giocato un ruolo. Il Presidente ha scelto di limitare al massimo gli spostamenti a piedi, recandosi addirittura in auto dal cimitero alla casa di Pertini, un percorso di circa 100 metri lungo il quale erano presenti i residenti pronti a salutarlo. Che invece sono stati “costretti” a intravederlo solo per un istante, attraverso i vetri dell’auto blindata. L’unico passaggio a piedi Mattarella lo ha fatto all’interno del Priamar, un passaggio “obbligato” dal fossato (dove le auto si devono fermare) alla Sala della Sibilla: ma anche in quel caso il Presidente non si è avvicinato agli spettatori né si è fermato, limitandosi ad un saluto con la mano e ad una brevissima sosta (una manciata di secondi) dai bambini che lo accoglievano con le bandierine tricolore. Stesso copione anche al termine: nessuna parola con i giornalisti, un cenno rapidissimo ai pochi savonesi rimasti e via, sull’auto blindata, giù dalla rampa, per la delusione di chi all’esterno sperava almeno in un saluto. Sarà per la prossima volta. Forse. O forse no?

Le immagini della visita al Priamar

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da claudio_monchiero

    Il mio pensiero e’ rivolto ai costi di questa visita elicotteri vetture e tutto il resto