IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Garlenda, deridono il più giovane del gruppo e scatta la rissa in strada: cinque persone denunciate

I cinque sono stati fermati dai carabinieri di Alassio in piazza Partigiani a Garlenda

Più informazioni su

Garlenda. I carabinieri della compagnia di Alassio hanno denunciato a piede libero alla procura della Repubblica di Savona cinque persone che ieri sera hanno dato vita ad una vera e propria rissa in piazza Partigiani a Garlenda.

Si tratta di cinque extracomunitari di origine marocchina di età compresa tra i 29 e i 37 anni, residenti a Garlenda e Cisano sul Neva e tutti imparentati tra loro.

Secondo quanto accertato, ieri sera i cinque si trovavano in piazza Partigiani insieme ad alcuni loro connazionali. Dopo un paio d’ore trascorse a chiacchierare e bere birra, verso le 23 i cinque hanno iniziato a deridere il più giovane del gruppo con sberleffi e spintoni. Trovandosi in difficoltà, il ragazzo ha chiesto aiuto ai fratelli rimasti in disparte.

In breve è nata una vera e propria rissa che ha visto coinvolte cinque persone (gli altri se la sono data a gambe). Alcuni passanti hanno avvertito i carabinieri, che si sono subito precipitati sul posto bloccando i cinque stranieri. Ciascuno di loro ha portato qualche lieve ferita, cosa che ha reso necessario il loto trasferimento al pronto soccorso dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.