Dalla Regione 500 mila euro ad Arte Liguria per il sostegno alla morosità incolpevole - IVG.it
Risorse

Dalla Regione 500 mila euro ad Arte Liguria per il sostegno alla morosità incolpevole

Scajola: "Un aiuto concreto alle famiglie in difficoltà"

palazzo regione

Regione. Ammonta a 500 mila euro il nuovo finanziamento del fondo di sostegno alla morosità incolpevole negli alloggi gestiti dalle Arte Liguri.

Lo ha approvato oggi la giunta regionale della Liguria, su proposta dell’assessore all’edilizia Marco Scajola, considerata la grave situazione economica che incide sulla possibilità per l’utenza di sostenere il pagamento del canone di locazione e dei servizi accessori e che, di conseguenza, crea un forte deficit nelle casse delle aziende. Il precedente finanziamento del fondo risaliva al 2010.

I fondi sono erogati alle Arte Liguri e destinati a ripianare parzialmente le posizioni delle famiglie che, assegnatarie di alloggi di edilizia residenziale pubblica, abbiano accumulato morosità cosiddette “incolpevoli”, dovute a situazioni sopravvenute come, ad esempio, la perdita del lavoro, un lutto, una diminuzione della capacità lavorativa dovuta ad una malattia o un infortunio.

“Si tratta di fondi interamente regionali – spiega l’assessore all’edilizia Marco Scajola – messi a disposizione per aiutare, in un momento di particolare crisi economica, le tante famiglie liguri che, per motivi indipendenti dalla loro volontà, non riescono a pagare regolarmente il canone e le spese accessorie degli alloggi loro assegnati. Erano ben sei anni che il fondo non veniva rifinanziato. La nostra volontà, ovviamente risorse permettendo è di fare in modo che questo sostegno possa arrivare alle famiglie in maniera più costante”.

I 500 mila euro verranno assegnati, entro l’anno, alle quattro Arte presenti in Liguria e suddivisi in proporzione rispetto sia al numero degli alloggi gestiti da ciascun ente sia alla morosità complessiva: ad Arte Savona saranno destinati 89 mila e 959,96 euro (3.151 alloggi).

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.