Presentazione

L’Albissola non si pone limiti

Step by step, la dirigenza ceramista punta in alto

Albisola Superiore. Pur mantenendo toni sobri, in rispetto di quanto accaduto nelle zone terremotate del centro Italia (come, con molto garbo, sottolineato dall’addetto stampa Serena Bisacca), nel Palazzetto dello Sport adiacente al “Faraggiana”, si è svolta la presentazione della incombente stagione calcistica dell’A.S.D. Albissola 2010, che si appresta, quanto meno nelle intenzioni, al doppio salto di categoria, come apertamente dichiarato – senza peli sulla lingua – dal “patron” Giampiero Colla, in chiusura del “vernissage”.

Ma andiamo con ordine, dopo la puntuale e precisa “ouverture” di Serena Bisacca, ha preso la parola il presidente del settore giovanile Alessandro Malinverni, che ha prospettato le basi su cui punterà la società, per addivenire a soddisfacenti risultati, grazie al lavoro di tecnici qualificati, in grado di esaltare le qualità calcistiche dei giovani atleti, mantenendo in primo piano i valori morali dell’insegnamento.

La palla è poi passata a Marcello Acquarone, responsabile tecnico dello stesso settore giovanile, che ha messo in evidenza la rinnovata sinergia con il Torino calcio, sottolineando come la leva 2003 abbia fruito dei benefici di un ritiro pre-campionato a Bedonia, in provincia di Parma, a testimoniare l’ampio respiro di cui si avvale la società.

A seguire, ha preso la parola il presidente Mirco Saviozzi, che ha presentato ad uno a uno i giocatori della juniores, chiamandoli a sfilare davanti a stampa e pubblico, facendo notare agli astanti che trattasi del “futuro” del team rivierasco.

Il momento clou è arrivato con la discesa in campo dei componenti della prima squadra, guidati dal tecnico Luca Monteforte, che non ha nascosto l’orgoglio di gestire questo gruppo: “Chi ha il privilegio di allenare questi giocatori, è una persona fortunata. La società ha confermato i punti di forza dell’anno scorso, cui si sono aggiunti molti giovani, pronti peraltro a essere subito protagonisti; il tutto nell’ottica di pensare al presente, ma di programmare già il futuro. Per chi non ha avuto modo di seguirci nella fase preparatoria, tengo a sottolineare il fatto che i ragazzi hanno dato la totale disponibilità alla metodologia lavorativa, che ha come presupposto la volontà di dare una idea di gioco, che – oltre a essere vincente – faccia divertire gli spettatori”.

Come dicevamo in apertura, ha chiuso la serata l’azionista di riferimento della MBF Aluminium (lo sponsor), che, senza mezzi termini, dopo aver ringraziato mister Monteforte per il raggiungimento del primo step (il passaggio in Eccellenza), ha fissato l’ambizioso e immediato traguardo della Serie D.

Un secondo step non da poco per una matricola, costretta sin da subito a uscire allo scoperto, senza il vantaggio di una partenza a sorpresa,“in ombra”, ancorché – in vero – la validità della rosa è tale che in pochi si sarebbero lasciati sorprendere.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.