IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finto matrimonio sgominato dai carabinieri: denunciati “sposino” e “testimoni”

Un marocchino, per ottenere il permesso di soggiorno, ha sborsato 4.000 euro ad una coppia di italiani, tutti pregiudicati

I carabinieri della stazione di Borghetto Santo Spirito, al termine di una attenta indagine, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria e segnalato alla Prefettura di Savona E.A.J. marocchino ventisettenne, pregiudicato e sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo giornaliero di firma, G.S. ventiseienne di Borghetto S.S., anche lui pregiudicato e sottoposto ad altra misura cautelare, S.J. venticinquenne di Borghetto S.S., pregiudicata, ed E.A.A. marocchino trentaseienne senza fissa dimora e pregiudicato. Il reato contestato per i protagonisti della vicenda è “concorso in falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico”.

I quattro avrebbero illecitamente organizzato e poi messo in scena un finto matrimonio celebrato il 4 luglio scorso presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di Loano. Con la complicità della coppia di italiani, conviventi ‘more uxorio’, dietro il compenso di 4.000 euro elargiti dal marocchino E.A.J. che aveva avanzato la singolare richiesta, S.J. ha così contratto il matrimonio civile per poi ottenere la residenza ed infine il permesso di soggiorno tanto voluto.

Peccato che non avevano fatto i conti con le indagini dei militari dell’Arma di Borghetto S.S. che avevano raccolto una segnalazione ritenuta attendibile e poi immediatamente verificata con una serie di accertamenti investigativi. Risultato, formalizzata l’unione sono stati portati tutti in caserma: i due marocchini (uno in qualità di marito e l’altro di testimone) e i due italiani (una quale moglie neo-sposina e l’altro come testimone della propria vera compagna).

Nella vicenda risultano completamente estranei ai fatti gli impiegati dell’Ufficio di Stato Civile del Comune di Loano, che hanno avviato le pratiche per l’annullamento del contratto matrimoniale a seguito dell’indagine e delle denunce da parte dei militari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.