IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bombardier, il Pd: “Bene la proposta di accordo sugli ammortizzatori, ora il gruppo confermi”

"L'azienda deve fare la sua parte confermando il valore strategico del sito di Vado"

Regione. “Il nostro impegno sulla vertenza Savona continua. Ci auguriamo che anche la Regione faccia la sua parte e non solo lo spettatore mettendo tutto il suo peso in una vertenza territoriale che rimane difficile e che ha bisogno del massimo impegno di tutti i soggetti istituzionali”.

Così i consiglieri Pd Raffaella Paita, Giovanni Lunardon e Luigi De Vincenzi a proposito del vertice di ieri al Mise su Bombardier.

“Ieri al Mise è stato raggiunta una importante proposta di accordo su Bombardier tra sindacati e azienda alla presenza del sottosegretario Bellanova. L’intesa, che riguarda gli ammortizzatori sociali, prevede un periodo di cassa in deroga che dovrà attivare la Regione fino a novembre e poi la cassa integrazione straordinaria fino alla fine del 2017. I numeri devono ancora essere definiti ma vuol dire che non sono previsti licenziamenti. E’ un primo risultato importante frutto innanzitutto della determinazione e della lotta dei lavoratori e dei sindacati”.

I tre consiglieri Dem esprimono “soddisfazione per i contenuti dell’accordo e vogliamo ringraziare il sottosegretario Bellanova con cui siamo stati in contatto, per l’impegno profuso a difesa dell’occupazione di questa impresa così importante per l’economia ligure e savonese. Ora ci attendiamo che il gruppo riconosca e sottoscriva l’intesa raggiunta. Poi bisognerà lavorare sulle prospettive di sviluppo”.

“L’azienda deve fare la sua parte confermando il valore strategico del sito di Vado. Le future opportunità legate al rinnovo del parco rotabile in Italia e anche nella nostra regione possono essere un volano importante per rilanciare un’azienda che ha le professionalità e il know how per continuare a svolgere un ruolo leader nel settore trasportistico”, concludono Paita, Lunardon e De Vincenzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.