In sinergia

Prodotti fitosanitari in serra, una guida del Cersaa per migliorare le attività delle aziende

Realizzata da Andrea Minuto (CeRSAA), Adriano Politi (Syngenia) e Maura Calliera (Università Cattolica)

cersaa albenga

Albenga. Una guida per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari in serra. L’ha realizzata il CeRSAA di Albenga, il centro camerale di ricerca e sperimentazione nel settore agricolo, in partnership con la società Syngenta Italia e con il Centro di ricerca per lo sviluppo sostenibile in agricoltura (Opera) dell’Università Cattolica di Milano. Una pubblicazione di notevole utilità per gli operatori del settore curata da Andrea Minuto (CeRSAA), Adriano Politi (Syngenia) e Maura Calliera (Università Cattolica).

Un manuale che nasce dalla necessità di conoscere molto bene gli obblighi derivanti dalla applicazione delle più recenti normative nazionali ed europee su trattamenti fitosanitari. Numerosi studi condotti a livello europeo su orticoltura e floricoltura in ambiente protetto hanno evidenziato diversi punti critici e carenze nella gestione dei prodotti fitosanitari che riguardano sia aspetti strutturali sia comportamentali. Tra l’altro la mancanza di appositi spazi nelle serre per l’effettuazione delle operazioni di pre e post-trattamento determinano condizioni non sempre adeguate per la sicurezza dell’operatore e dell’ambiente.

Con questa sinergia si vuole condividere con tecnici, consulenti, agricoltori e distributori specifiche “Linee guida” che indirizzino le aziende agricole verso un processo di miglioramento continuo delle scelte e delle pratiche operative partendo da quelle che possono determinare maggiori rischi per la salute umana e per l’ambiente. Il manuale è suddiviso in “fasi” che ripercorrono il ciclo di vita del prodotto fitosanitario dal momento dell’acquisto e trasporto in azienda, all’applicazione sulle colture fino al successivo smaltimento delle acque di risulta dei trattamenti e dei rifiuti solidi.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.