Niente soldi dal Comune: saltano il servizio di bagnino per la libera del Prolungamento e i fuochi d'artificio - IVG.it
Conti in rosso

Niente soldi dal Comune: saltano il servizio di bagnino per la libera del Prolungamento e i fuochi d’artificio

A rischio anche il servizio "Scopamare", l'allarme del presidente dell'associazione Bagni Marini Schiappapietra: "Sono servizi fondamentali"

Savona. Manifestazioni estive e sicurezza sulle spiagge. Erano questi gli argomenti sul tavolo dell’incontro programmato per questa mattina a palazzo Sisto tra il presidente dell’associazione Bagni Marini di Savona Enrico Schiappapietra e gli assessori Pietro Santi e Maurizio Scaramuzza, competenti proprio per ambiente e manifestazioni.

Un confronto dal quale non sono arrivate buone notizie: i soldi a disposizione sono pochi e di conseguenza due servizi importantissimi, la sorveglianza balneare sulla spiaggia libera di piazzale Eroe dei due Mondi al Prolungamento e lo “Scopamare”, ma anche un appuntamento tradizionale per la stagione estiva savonese, lo spettacolo pirotecnico musicale, sono fortemente a rischio.

La conferma arriva direttamente da Schiappapietra che non nasconde la sua preoccupazione: “Abbiamo scoperto nostro malgrado che nei mesi scorsi non sono stati accantonati dal Comune né i soldi destinati agli eventi estivi né quelli per i servizi fondamentali per la sicurezza dei bagnanti, come la presenza del bagnino sulla spiaggia libera del Prolungamento, e per l’ambiente, ovvero il servizio ‘Scopamare’”.

“E’ una situazione molto grave per una città che vuole puntare sul turismo. Chi non ha le risorse per frequentare uno stabilimento privato e va alla spiaggia libera deve rischiare di annegare? Credo che socialmente sia vergognoso e inconcepibile per Savona. Piuttosto rinunciamo ai fuochi, ma un bagnino sul trespolo in piazzale Eroe dei due Mondi deve esserci” aggiunge Schiappapietra.

Per quanto riguarda l’iniziativa “Scopamare”, che garantiva il passaggio di un moscone per raccogliere i rifiuti presenti nel tratto di mare antistante il litorale savonese, il presidente dell’associazione Bagni Marini precisa: “E’ un servizio direttamente legato anche alla Bandiera Blu perché contribuiva ad aumentare i punteggi per ottenerla”.

Infine, tornando agli eventi estivi, Schiappapietra spiega senza giri di parole che, allo stato attuale, i fuochi d’artificio possono considerarsi cancellati: “Il 30 luglio non ci sarà il tradizionale spettacolo pirotecnico. Come associazione possiamo reperire le risorse per garantire gli altri eventi collaterali, la posa a mare dei lumini in primis, ma non per i fuochi, un evento per il quale il contributo del Comune è sempre stato forte”.

Da parte loro gli assessori Santi e Scaramuzza si sono impegnati per risolvere questa situazione e reperire le risorse necessarie, ma, purtroppo, la situazione dei conti di palazzo Sisto è nota quindi non sarà una missione semplice.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.