La maxi operazione "Alchemia" è nata a Savona: "costola" dell'inchiesta "Carioca" della squadra mobile - IVG.it
'ndrangheta

La maxi operazione “Alchemia” è nata a Savona: “costola” dell’inchiesta “Carioca” della squadra mobile fotogallery

L'indagine dei poliziotti savonesi su Antonio Fameli ha permesso di avviare l'attività investigativa che oggi è sfociata in 42 misure cautelari

Loano/Toirano. E’ un’indagine che ha assunto una valenza nazionale, ma è nata a Savona grazie al lavoro dei poliziotti della Squadra mobile. L’operazione “Alchemia”, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, che questa mattina ha portato all’esecuzione di 42 misure cautelari, è iniziata come “costola” dell’Operazione “Carioca”, quella che nel marzo del 2012 aveva portato all’arresto di Antonio Fameli ed aveva coinvolto altre 15 persone.

In occasione dell’inchiesta “Carioca”, che si era concentrata su un giro di riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, reati tributari, attività abusiva di intermediazione finanziaria e falso in atti notarili, i poliziotti savonesi avevano iniziato a monitorare a 360° Fameli. Un’attività che ha permesso agli inquirenti di “entrare” in un nuovo mondo che li ha condotti a Carmelo Gullace e Fabrizio Accame.

Il collegamento tra i tre sarebbe stata la sala giochi sulla via Aurelia a Loano (prima Caino Royale e poi Las Vegas) che, secondo l’accusa, era intestata a Fameli, ma in realtà era gestita da Gullace e Accame. Insomma Fameli sarebbe stato un prestanome per Gullace.

Loano, incendio a villa Fameli

Monitorando il faccendiere loanese la polizia ha iniziato a seguire quindi Gullace anche nei suoi viaggi in Calabria. In quelle occasioni sono emersi i primi rapporti che lui aveva con le cosce dell’ndrangheta. Secondo la polizia Gullace, con la collaborazione delle persone a lui vicine, portava avanti diverse attività per agevolare quelle di stampo mafioso. In particolare l’attività di riciclaggio di denaro di provenienza dalle cosche ‘ndranghetiste (i capitali venivano ripuliti anche in Brasile). Alla luce di questi sviluppi i poliziotti della squadra mobile di Savona hanno passato gli atti per competenza alla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria che ha allargato l’orizzonte dell’inchiesta.

Dopo mesi e mesi di attività investigativa, passata anche attraverso, tantissimi accertamenti patrimoniali si è sviluppata l’operazione sfociata negli arresti di questa mattina. L’operazione “Alchemia”, di fatto, è la prima operazione della polizia in ambito di criminalità organizzata in provincia di Savona.

leggi anche
Ndrangheta
Alchemia
‘Ndrangheta, operazione di Polizia di Stato e Dia nel savonese: arresti, perquisizioni e sequestri
'Ndrangheta, Polizia e Dia fanno scattare l'operazione Alchemia
Le reazioni
Operazione Alchemia, Viale: “Indispensabile impegno amministratori”. Pastorino: “Legalità prima di tutto”
diaframma galleria borzoli terzo valico
Precisazione
‘Ndrangheta, Cociv: “Il Consorzio totalmente estraneo all’operazione Alchemia”
'Ndrangheta, Polizia e Dia fanno scattare l'operazione Alchemia
Sotto processo
Inchiesta “Alchemia”, lunedì udienza nell’aula bunker per Fameli, Gullace ed altri 44 imputati
Operazione Real Time, arrestato Gullace
Operazione alchemia
Toirano, l’Antimafia sequestra beni per 15 mln agli affiliati della cosca “Raso-Gullace-Albanese”
Operazione Real Time, arrestato Gullace
Esito
Alchemia, condannato a 18 anni Carmelo Gullace. Assolti Orlando e le sorelle Fazzari: “Fine di un incubo”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.