IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio: due anni di reclusione per i “topi da spiaggia”, con divieto di ritorno

Per gli altri, senza precedenti penali, pena sospesa. Comminati anche 600 euro di multa

Alassio. Hanno tutti patteggiato i cinque marocchini arrestati tre giorni fa dalla polizia ad Alassio con l’accusa di rapina e resistenza dopo aver derubato un sedicenne in spiaggia. Il processo nei confronti del gruppo, tutto composto da giovanissimi tra i 18 e i 22 anni, si è svolto questa mattina in tribunale a Savona: per loro due anni di reclusione, 600 euro di multa ed il divieto di ritorno ad Alassio per i prossimi tre anni imposto dal Questore.

Soltanto uno dei membri della baby gang però resterà in carcere, un ragazzo di 18 anni che è l’unico del gruppo ad avere già precedenti penali. Per gli altri, invece, pena sospesa.

I giovani, secondo la Polizia di Stato, derubavano i bagnanti di portafogli, cellulari e occhiali di marca in spiaggia. Nel caso del sedicenne (che è costato loro l’arresto) i cinque avrebbero seguito la “preda” mentre stava riponendo il portafogli e le chiavi dello scooter nello zainetto. A quel punto il ragazzo sarebbe stato circondato dal branco e quindi assalito: ne è nata una colluttazione nel corso della quale è intervenuto anche un amico del sedicenne. Il gruppetto di delinquenti è riuscito a sfilargli 50 euro dal portafogli a minacciarlo di morte mimando il taglio della gola se avesse avvertito le forze dell’ordine.

La vittima non si è persa d’animo: ha chiamato il 113 e tre pattuglie si sono lanciate all’inseguimento dei cinque marocchini che sono stati avvistati in piazza Sant’Ambrogio e fermati in via Adelasia, poco oltre la ferrovia. Uno degli agenti, mentre bloccava uno dei ragazzi della gang, è rimasto contuso ed è dovuto ricorrere alle cure dei medici in ospedale. Ne avrà per dieci giorni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ospite di Alassio pagante IMU

    Boungiorno.
    Ecco fatto, la nostra giustizia, ha operato.
    Uno dentro e gli altri fuori.
    Non vorrei essere la vittima che ha denunciato il fatto e fatto arrestare(?) i delinquenti.
    A meno che, questi delinquenti non vengano monitorati impedirgli avvicinare questo ragazzo coraggioso, ma ne dubito.
    Auguroni al denunciante.
    Crdialità