Da albenga a loano

Controlli antidroga “a tappeto” dei carabinieri: 17enne arrestato grazie al fiuto di Konny

Il ragazzino aveva un etto di hashish e dosi di marijuana, in manette anche un loanese e un marocchino che dovevano scontare una condanna

Loano. Centocinquanta persone controllate, 12 aree ispezionate, 58 autovetture fermate, 3 persone arrestate, e 100 grammi di stupefacente sequestrato in 36 ore. Sono i numeri dell’ultimo maxi controllo, finalizzato soprattutto al contrasto del fenomeno dello spaccio, effettuato da dieci pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Albenga, in supporto ai militari delle Stazioni di Loano e della Città delle Torri, con l’aiuto di cani antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Villanova d’Albenga.

I controlli si sono concentrati nel loanese e nell’albenganese, in particolare nei parchi pubblici di Loano (anche con l’utilizzo di “Fiamma”, l’elicottero del 15° Eli-Nucleo dei Carabinieri), ma anche tra la via Aurelia, via Stazione Vecchia, il sottopasso ferroviario, il parcheggio in disuso dietro la stazione e alcuni esercizi di cucina etnica in via Aurelia.

I primi due arresti sono stati effettuati in esecuzione di altrettanti ordini di carcerazione. Un cittadino di Loano, P.A., 48enne pregiudicato doveva scontare una condanna di 8 mesi in relazione a reati di danneggiamento aggravato commessi a Finale Ligure nel 2012. I Carabinieri di Finale Ligure lo hanno condotto al carcere di Genova Marassi dove sconterà la sua pena.

Stessa sorte è toccata ad un cittadino marocchino, D.H., controllato dai carabinieri della radiomobile con il supporto della Polizia Locale ingauna in un parco. Su di lui pendeva un ordine di carcerazione per “cumulo pene” in relazione a reati di resistenza a pubblico ufficiale e furto aggravato commessi ad Albenga nel corso del 2015. Accompagnato dai Carabinieri al carcere di Marassi dovrà scontare una reclusione di 11 mesi.

Il terzo arresto invece si è concretizzato a Loano, in seguito ad alcune segnalazioni arrivate al 112 e alla locale caserma, dove i controlli sono andati avanti fino a notte fonda, soprattutto nelle zone recentemente segnalate essere luoghi di consumo e spaccio di sostanze illecite. Durante l’orario notturno, sono state setacciate le vie del centro storico loanese, via Stella e nuovamente via stazione vecchia e aree limitrofe. Sorvegliati speciali gli arenili degli stabilimenti balneari siti sul lungomare Marconi. Proprio nella spiaggia libera i carabinieri notavano dei giovani al bivacco.

Cani Antidroga Carabinieri Albenga Nucleo Cinofilo Cane Konny

“Konny”, l’unità cinofila antidroga, ha subito attivato il suo infallibile fiuto e, seguendo l’odore, ha permesso di ritrovare un sacchettino del quale un diciassettenne di Torino, nell’oscurità, si era disfatto lanciandolo ad una decina di metri di distanza. Il maldestro tentativo di sottrarsi al controllo al cane dell’Arma si è quindi rivelato del tutto inutile tanto che il ragazzo piemontese, in vacanza in Riviera, non ha nascosto la sua delusione.

Gli altri giovani accuratamente controllati sono risultati privi di stupefacente. Al diciassettenne torinese non restava quindi che confessare la proprietà del “fumo”. Su di lui i militari, a seguito della perquisizione personale, hanno trovato 10 dosi di hashish e altre dosi di marijuana. Il bilancio del controllo: quasi un etto di hashish e 5 grammi di marijuana, più attrezzi per il confezionamento e la lavorazione del narcotico. Il minore, studente ed incensurato, è finito in manette ed accompagnato alla casa di reclusione minorile di via Frugoni a Genova.

Cani Antidroga Carabinieri Albenga Nucleo Cinofilo Cane Konny

Questi servizi preventivi si inquadrano nel contesto di un mirato controllo del territorio organizzato capillarmente e intensificato proprio per la stagione estiva su tutto il territorio di competenza della Compagnia di Albenga, che si estende prevalentemente sul litorale e che va alla Città delle Torri fino a Varigotti.

Alcune segnalazioni circa strani movimenti nei parchi e nei luoghi di aggregazione giovanile sono giunte dalle “mamme attive” loanesi, il gruppo di genitori socialmente impegnati nella realtà cittadina. L’Arma dei Carabinieri ha raccolto le informazioni mettendole “a sistema” raggiungendo un rapido ed efficace risultato in termine di prevenzione e controllo del territorio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.