Savona, è resa dei conti nel Pd. Lirosi "sbotta": "Ecco il nuovo che avanza, la sconfitta..." - IVG.it
Pd al veleno...

Savona, è resa dei conti nel Pd. Lirosi “sbotta”: “Ecco il nuovo che avanza, la sconfitta…” video

Polemiche, divisioni, lacerazioni e contrasti: il Pd savonese esce a pezzi dal ballottaggio

Savona. Non c’è due senza tre e per il Pd ligure dopo la sconfitta alle regionali del 2015 e a quelle comunali savonesi del 2016, ecco all’orizzonte anche il possibile filotto in vista delle elezioni a Genova del 2017. La seconda sconfitta consecutiva per il Pd con la vittoria del centro destra a Savona apre una fase di riflessione e cambiamento all’interno del partito Democratico, che paga un netto calo di consensi a livello nazionale e locale, una perdita di voti che è costata tanto la Regione quanto Palazzo Sisto.

Una sconfitta che aprirà pesanti polemiche interne al partito: un dato è certo, le primarie non portano bene e dopo l’esperienza delle regionali dell’anno scorso e delle comunali a Savona quest’anno si aprirà una difficile discussione anche sullo strumento di scelta dei candidati.

E intanto è già pronta la resa dei conti nel Pd savonese, con uno dei big del partito come Di Tullio che lascia il partito e, a gochi fatti, dal suo profilo Facebook ha mandato questo messaggio a vincitori e sconfitti: “I migliori auguri a Ilaria Caprioglio. Congratulazioni vivissime a Fulvio Briano e Franco Vazio”. Oltre all’ex vicensindaco, c’è un altro assessore comunale di quelli messi da parte per far spazio “al nuovo”, ovvero Francesco Lirosi che, nella notte dell’amara sconfitta, non le manda certo a dire: “Ho preferito stare zitto per non turbare l’ambiente anche se, una analisi appena superficiale indicava i grillini come ago della bilancia. E così è stato. Ancora questa sera ho sentito il segretario cittadino dichiarare che il risultato è un riflesso della decadenza del governo Renzi: veramente roba da matti. La differenza tra i due candidati è di 1.200 voti. Ma Lirosi e Sorgini quanti ne avevano preso? Forse proprio quelli…Ma nessuno dei cervelli che hanno messo su questa brillante operazione politica si è accorto che alle primarie i grillini avevano votato Battaglia? E la lista chi l’ha inventata? Ermini, Briano, Pasquali e Martino (e Battaglia, che voleva rinnovare l’ambiente!)”. [tag name=caprioglio sindaco]

“il nuovo che avanza: in effetti, dopo 22 anni, una grande novità, la sconfitta. Per mettere insieme le macerie ci vorranno mesi di duro lavoro e alcuni personaggi dovranno scomparire dall’orizzonte, altrimenti non ci sarà niente da fare. Non si facciano più vedere e, forse, il Pd potrà essere regolato dalla meritocrazia e non più da chi vuole poltrone senza sapersele guadagnare. Chi perde deve andarsene, non chi è portato in palmo di mano dai cittadini” aggiunge Lirosi.

“Potrei trasmettere le molte e mail che mi sono giunte dopo la mia esclusione dalla lista: tutti dichiaravano che per il Pd non avrebbero votato. Ripeto: sempre disponibili per il PD, ma certi personaggi non debbono neppure farsi vedere all’orizzonte. I voti li prendono quelli che li meritano, non chi parla nei corridoi. Ma non hanno neppure capito che bisogna lavorare, parlare e vivere con in cittadini, sempre al loro fianco? Si lascia fuori dalla lista chi ha preso 800 voti? Chi alle 7,30 tutti i giorni è al lavoro con i cittadini. Ma poveri noi, ma da dove sono usciti? Ripeto; fuori dalle balle. Altrimenti, mio malgrado, darò ragione a Livio (che peccato, che sindaco sincero e vivo sarebbe stato). In fin dei conti, chi non mi vuole non mi merita” conclude Lirosi.

leggi anche
  • Dimissioni al veleno
    Savona, Di Tullio dice addio al Pd: “Il partito è un freno, non una opportunità”
  • Pesante sconfitta
    Savona 2016, batosta per il Pd: la delusione di Cristina Battaglia
  • Autocritica
    Savona 2016, il day-after del centro-sinistra tra analisi e autocritica
  • Dall'altra parte
    Savona, Ermini: “Sfida difficile, Caprioglio poteva contare sulle promesse elettorali della Regione”
  • Tutti contro!
    Paita: “A Savona sconfitta pesante, Pd accerchiato dalla conservazione”
  • L'intervento
    La sconfitta di Savona, il sindaco Arboscello: “Mi iscrivo al Pd per la ripartenza”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.