Savona, annullate tutte le sanzioni agli studenti "forconi": dovranno scusarsi con la Questura - IVG.it
Lieto fine a metà

Savona, annullate tutte le sanzioni agli studenti “forconi”: dovranno scusarsi con la Questura

Il giudice di pace ha deciso che quello dei ragazzi non fu "blocco stradale": le famiglie rischiavano multe dai 2.500 ai 10.000 euro

Savona. Le sanzioni comminate a tutti gli studenti che, durante la protesta dei “Forconi” del dicembre 2013, scesero in strada a protestare, sono state annullate. Lo ha deciso il giudice di pace Marco Tibi: “Ha riconosciuto – spiega il legale dei ragazzi, Alessandro Parino – la totale inesistenza della fattispecie del blocco stradale”.

Si tratta, spiega l’avvocato (che da subito ha seguito tutti i ragazzi coinvolti a titolo totalmente gratuito) di una vittoria importante per le famiglie: “Il reato è depenalizzato, ma si rischia una sanzione amministrativa molto importante, con un minimo di 2.500 euro e fino a diecimila. Una cifra che avrebbe mandato in crisi diverse famiglie“.

Diversi genitori, infatti, all’epoca avevano spiegato che una sanzione del genere li avrebbe obbligati a misure drastiche, come quella di vendere l’automobile di famiglia. E lo stesso avvocato aveva parlato alluepoca di “reazione spropositata del sistema giudiziario”, con ragazzi delle scuole superiori accusati di blocco stradale o ferroviario.

Reati che di solito vengono attribuiti a forze organizzate come i No Tav, e non a gruppi di studenti delle superiori. “Il giudice di pace per fortuna ha accolto la tesi difensiva – spiega Parino – secondo la quale i ragazzini, che sono rimasti seduti per pochi minuti, si sono mossi all’interno di uno spazio che era già stato chiuso al traffico“. I giovani, infatti, nel caso specifico si erano seduti in via Paleocapa all’altezza dell’intersezione con via Pia, ma in quel momento la circolazione stradale era interrotta già dall’ingresso della Torretta.

Pericolo scampato, dunque, dopo due anni e mezzo di timori. Ma per i ragazzi una “punizione” ci sarà: “Il giudice ha preteso da loro un impegno, ossia che a brevissimo mandino una lettera di scuse alla Questura per quanto accaduto”. Un modo come un altro per far sì che riflettano comunque sul loro comportamento.

Più informazioni
leggi anche
Protesta forconi
Cronaca
Protesta forconi a Savona e Albenga: arrivano le prime sanzioni per i manifestanti
forconi
Cronaca
“Forconi” flop, Parino spiega: “Mancano gli studenti, spaventati dalle multe dello scorso anno”
Protesta Forconi: ad Albenga il corteo capitanato dagli Ultras, occupati i binari
Tribunale
Protesta dei “forconi”, a giudizio per aver bloccato i treni ad Albenga: 8 messe alla prova e un patteggiamento

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.