Protesta

I vigili del fuoco incrociano le braccia e proclamano lo sciopero

Sciopero dei vigili del fuoco

Liguria. L’Unione Sindacale di Base dei Vigili del Fuoco ha dichiarato lo sciopero per la giornata di domani, sabato 11 giugno: il settore operativo incrocerà le braccia dalle ore 9.00 alle ore 13.00, quello amministrativo informatico per l’intera giornata. Verranno solo garantiti i servizi di soccorso, in virtù dello spirito di responsabilità civile che contraddistingue questa categoria, quello spirito di abnegazione che ci vede giornalmente in strada al fianco del cittadino e che ci ha visto in questi anni al fianco di intere popolazioni colpite purtroppo da alluvioni e terremoti.

Non saranno garantiti i servizi negli uffici e quelli non di emergenza. Si sciopera contro il blocco dei contratti nazionali e contro la riforma del sistema pensionistico, i Vigili del Fuoco attendono il riconoscimento di categoria che svolge il lavoro atipico particolarmente usurante.

“Denunciamo la precarizzazione del dispositivo di soccorso che unito all’investimento di risorse su nuovi distaccamenti volontari crea il soccorso part time. Chiediamo una soluzione al problema del precariato con un piano di assunzioni strutturale. La componente permanente è ridotta all’osso, nella maggior parte dei comandi non si riesce a garantire più di una squadra su tutto il territorio di pertinenza. Spesso si deve ricorrere a riduzioni di organico delle sedi distaccate o a chiusure di sedi sul territorio, l’addestramento e il mantenimento di alcune specifiche capacità operative sono di difficile attuazione, questo comporta un minor livello professionale e un maggior rischio di infortunio per i lavoratori. Si riducono i nuclei specialistici, come i sommozzatori, nautici, elicotteristi e TLC” dice il sindacato di base dei vigili del fuoco.

“Le risorse economiche destinate al soccorso sono insufficienti, oramai è all’ordine del giorno avere problemi meccanici sui nostri mezzi, problemi anche gravi che impediscono di svolgere efficacemente l’opera del soccorso, difficile la manutenzione ordinaria, impossibile la straordinaria. L’acquisto di nuove autopompe è una chimera e il parco mezzi ha un’età media di venti anni, a questo si aggiunga la mancanza di manutenzione idonea, immaginabili le conseguenze”.

“Mezzi vetusti, attrezzature carenti, sedi di servizio con problemi sia a livello igienico – sanitario che strutturali, rappresentano la realtà dei vigili del fuoco, che riflette la logica dei tagli al servizio pubblico, tagli che incidono direttamente sulla sicurezza dei cittadini. I vigili del fuoco devono essere messi nelle condizioni di soccorrere, non di essere soccorsi” conclude l’USB dei Vigili del Fuoco.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.