IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parcheggi a Finale, nuovi posti auto nella zona Piaggio. Il sindaco: “Prima risposta”

Finale L. “Giovedì 23 abbiamo siglato l’accordo con Finalmare S.p.A per l’utilizzo gratuito dell’area adiacente il piazzale Issel, davanti all’ingresso dell’ex stabilimento Piaggio. Nelle scorse settimane le maestranze comunali e della Finale Ambiente hanno fatto le strisce degli stalli nell’area che verrà delimitata da griglie di cantiere, acquistate appositamente due settimane fa”.

L’annuncio del sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli dopo l’ultimo intervento in Consiglio comunale quando aveva annunciato le nuove aree che l’amministrazione aveva individuato come nuovo polmone al parcamento.

“Tra pochi giorni Finale Ligure avrà 42 posti auto liberi in più in una zona centrale” commenta l’assessore Guzzi: “L’impegno assunto dal sindaco di trovare nuove aree sta concretizzandosi con questi primi passi. Da qualche mese stiamo lavorando a questa soluzione, cercando di utilizzare tutti gli accorgimenti possibili per rendere l’area sicura e ben delimitata nello spazio con confini ben definiti. La sicurezza prima di tutto”.

“Mi rendo conto non di certo risolutivi per Finale ma un’azione concreta fortemente voluta” conclude il sindaco finalese. Negli scorsi giorni e’ stato aperto come parcheggio libero anche la corte del palazzo Rivetti, che conta anche lì circa una quarantina di posti auto liberi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro Pollini

    “La sicurezza prima di tutto”. Frase che, nelle intenzioni di chi la pronuncia, vorrebbe chiudere la bocca a chi ha mosso un’obiezione legittima, alla quale il politico di turno non sa come ribattere. Se, davvero, si pensasse anzitutto alla sicurezza, allora:
    1) il vecchio ponte di ferro sarebbe già stato sostituito
    2) si sarebbe posto da tempo rimedio alla pericolosità di imboccare il ponte di ferro in direzione mare: la curva cieca dista poche decine di metri e c’è sempre da sperare che nessuno sopraggiunga sul più bello
    3) il rettilineo dalla nuova rotonda a Finalborgo in direzione mare non sarebbe un autodromo di moto e auto che sfrecciano senza limiti
    4) il nuovo ponte sul Pora non si imboccherebbe, venendo da Calice Ligure, con una ripida rampa in curva
    ecc. ecc.
    Purtroppo, per questi signori, la sicurezza si garantisce dipingendo le strisce dei parcheggi. Fra l’altro, è assolutamente spassosa la scelta di stringere ulteriormente la carreggiata in prossimità di Finalesalute, tratteggiando l’asfalto sconnesso sul lato sinistro, sollevato di una decina di centimetri dalle radici degli alberi – senza por rimedio alla cosa. Bene, avanti così!