Loano, i "Gufetti" del Cai si ritrovano al rifugio di Pian delle Bosse - IVG.it
Insieme

Loano, i “Gufetti” del Cai si ritrovano al rifugio di Pian delle Bosse

pian delle bosse - castagnata

Loano. Per festeggiare la fine dell’anno scolastico e della prima metà di un anno di belle escursioni, sabato e domenica scorsi si è tenuto l’incontro intersezionale tra i gruppi giovanili Cai al Rifugio Pian delle Bosse, organizzato dalla sezione Cai di Loano.

Hanno partecipato i “Gufetti” e, graditi ospiti e amici, i ragazzi delle sezioni di Sanremo e Altare, i quali hanno condiviso le giornate con noi; si sono conosciuti, raccontato e hanno scambiato esperienze, idee, ponendo le basi per futuri momenti di collaborazione e condivisione in allegria.

Il tempo atmosferico è stato per fortuna favorevole, con un bel temporale che si è scatenato nottetempo e quindi non ha interferito con le attività all’aria aperto.

Sabato i primi arrivati hanno giocato, esplorato il giro delle Caselle, che si sviluppa intorno al rifugio, ed hanno costruito le loro capanne intorno al rifugio; dopo la cena, tutti a nanna!

Domenica mattina sono arrivati altri grandi e piccoli amici da Sanremo ed Altare; i più grandicelli e volenterosi hanno raggiunto la vetta del Monte Carmo, accompagnati come sempre da qualificati soci Cai e poi, al ritorno, si sono riuniti al resto della banda, per una gradita merenda preparata dagli ottimi gestori Lorenzo e Valentina e offerta dalla sezione ospitante di Loano.

La guida alpina Gigio Gagliardi ha intrattenuto i giovani con scalate sugli alberi e slack line (una fettuccia posta a poca altezza da terra, per fare equilibrismo in sicurezza).

Il gruppo dei “Gufetti” è formato da ragazzi di elementari e medie, le gite si tengono con cadenza mensile e si svolgono nel territorio di Loano e dintorni, a volte con brevi trasferimenti in auto.

Attraverso una serie di uscite sul territorio riguardanti l’escursionismo, la speleologia, l’arrampicata, la visita di luoghi storici e altro ancora, l’obiettivo è avvicinare i ragazzi alla montagna e alla natura, far conoscere loro la bellezza dell’ambiente naturale, che non tutti hanno la possibilità di frequentare a causa dei tanti impegni tra scuola, sport e altre attività.

Le attività proposte sono riservate ai piccoli e ai ragazzi, i genitori possono cogliere l’occasione per scoprire anch’essi, se già non lo hanno fatto, il magnifico territorio che abbiamo la fortuna di abitare, ed accompagnare i propri figli in montagna, individualmente o nelle gite sociali adatte e aperte a tutti i soci, alle quali possono partecipare anche i minori se accompagnati da adulti responsabili.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.