La curiosità

Inaugurato a Tovo il primo monumento italiano dedicato ai portatori dei Crocifissi

Iniziativa curata dalla Confraternita di San Carlo di Bardino Vecchio da sempre fedele alle tradizioni locali

monumento cristezzanti

Tovo San Giacomo. E’ a Tovo San Giacomo, in Val Maremola, il primo monumento in Italia dedicato ai “cristezzanti”, ovvero ai portatori di Cristo in croce. E’ stato inaugurato su iniziativa della storica Confraternita di San Carlo di Bardino Vecchio da sempre fedele alle tradizioni locali.

L’opera originale è stata realizzata dallo scultore Cesare Oneda ed è stata eretta dove sorgeva l’antico oratorio. “Si tratta di un evento storico per noi della Confraternita – ha detto commosso Alessio Raimondo, Priore della Confraternita –  il sito è stato riqualificato dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Alessandro Oddo. E’ stato possibile riqualificare l’antico oratorio della frazione che rappresenta un simbolo della storica attività della Confraternita che è proseguita immutata nel tempo”.  

monumento cristezzanti

Il monumento dedicati ai “cristezzanti” vuole essere un riconoscimento per tutti quei confratelli che in Liguria e non solo in questa regione trasportano nelle diverse processioni solenni organizzate nelle feste religiose, anche nei paesi più remoti, il Crocefisso. Tradizioni secolari ancora molto vive ovunque.

I cristezzanti sono coloro che portano la croce “in crocco” cioè nella speciale imbracatura che è allacciata alle spalle e che distribuisce il peso su tutto il corpo. Lo aiutano altri confratelli che passano il gigantesco crocefisso da un portatore all’altro sostenendolo con un perfetto equilibrio esclusivamente con la forza di un braccio.  Il numero dei portatori necessari a compiere l’intero percorso della Processione dipende dalla grandezza ma soprattutto dal peso del Crocefisso.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.