IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, triste commiato al “Chittolina”: sconfitta e retrocessione in Eccellenza

Dopo tre stagioni i rossoblù abbandonano la Serie D

Vado Ligure. Dopo tre stagioni trascorse in Serie D, con un ottimo settimo posto nel 2013/14 e una buona dodicesima posizione l’anno scorso, il Vado torna in Eccellenza.

Per i rossoblù è stata fatale la sconfitta odierna nella partita di spareggio con la Fezzanese. L’incontro è stato giocato al “Chittolina”, dato che i vadesi nella stagione regolare sono giunti al sedicesimo posto, conquistando 6 punti in più degli spezzini.

Ma il fattore campo non è bastato: il Vado ha retto bene per settantacinque minuti e più, ma nel finale di gara ha accusato la stanchezza ed è capitolato di fronte ad una squadra che durante la stagione si è rafforzata ed oggi si è presentata con una panchina più lunga ed un maggior numero di scelte a disposizione.

Il Vado, decimato dalle assenze per vari motivi, scende in campo con Lucia, Guarco, Parodi, Buono, Garbini, Dimarco, Cafferata, Caorsi, Vassallo, Aurelio, Figone. I locali, in divisa rossoblù, condotti da Valter Battiston e Massimo Sciutto giocano con il 4-3-2-1.

La Fezzanese allenata da Giuseppe Zuccarelli gioca con Otranto Godano, Maccabruni, Dadà, Bertagna, Viscardi, Del Nero, Pondaco, Frateschi, Marasco, Baudi, Lorieri. Gli spezzini, in completo biancoverde, si schierano con il 4-3-1-2.

Arbitra Giovanni Ayroldi della sezione di Molfetta, coadiuvato da Mattia Massimino (Cuneo) e Dario Garzelli (Livorno).

Al 3° la prima ammonizione: ne fa le spese Viscardi per un’entrata fallosa su Vassallo. La paura di perdere vede le due squadre bloccate nell’avvio di gara. Gli ospiti, costretti a vincere, devono fare la partita; i rossoblù appaiono concentrati.

Al 14° il primo sussulto: botta di Marasco, Lucia respinge con le gambe. Al 16° rapida azione del Vado, palla a Vassallo che all’altezza del dischetto con il sinistro manda a lato di un soffio.

Al 20° Cafferata serve Figone che entra in area e conclude, ma il suo tiro è debole e Otranto Godano blocca a terra. Poco più tardi il Vado beneficia di un corner, la difesa ospite sventa. Nel giro di pochi minuti vengono ammoniti tre giocatori: Caorsi al 29°, Maccabruni al 34°, Parodi al 36°.

Vado pericoloso al 35°: staffilata di Dimarco dai venti metri, palla a lato di poco. Nel minuto di recupero non accade nulla di rilevante, si va al riposo sullo 0 a 0 dopo un primo tempo avaro di azioni da rete.

Nel secondo tempo la prima emozione la regala la squadra di casa. Fallo di Del Nero su Vassallo, punizione calciata da Aurelio, pallone fuori di pochi centimetri. Al 7° il portiere biancoverde blocca a terra un tiro di Parodi. All’8° ammonizione per Bertagna.

Il gioco è confuso; la Fezzanese deve accelerare ma non trova spazi, fermata da un Vado ben messo in campo. Al 12° Baudi, infortunato, lascia il posto a Grasselli. Al 21° Lucia esce in presa per anticipare Lorieri, ben lanciato da Marasco.

Al 26° punizione per gli ospiti: batte Lorieri, la palla, deviata dalla barriera, termina in corner. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina si accende una mischia che Caorsi sventa. Al 31° Biso prende il posto di Frateschi.

Al 32° la svolta: apertura di Biso sulla destra per Grasselli, gran botta e per Lucia non c’è scampo. Rete confezionata dai due nuovi entrati. Fezzanese in vantaggio e Vado che, dopo aver controllato la gara, si trova a terra. Al 34° Grasselli serve Lorieri che impegna Lucia in una parata difficile, ma l’azione non era valida per la posizione irregolare del numero 11 ospite.

Sulle ali dell’entusiasmo, al 41° la Fezzanese raddoppia: Lorieri riceve sulla sinistra e mette in mezzo dove Grasselli calcia a rete e insacca. Risultato finale: 0 a 2.

Per i rossoblù termina così una stagione travagliata, caratterizzata da un doppio cambio in panchina e dal ridimensionamento dell’organico a stagione in corso. Al Vado è mancato un solo punto, grazie al quale avrebbe evitato lo spareggio e si sarebbe salvato.

La Fezzanese resta in Serie D; il Vado torna nel massimo campionato regionale. Un’Eccellenza che vedrà al via anche il Magra Azzurri. Gli spezzini, nel primo turno degli spareggi nazionali, dopo aver perso 0-3 sul campo di casa con il San Donà di Piave, hanno pareggiato 1-1 in trasferta e quindi sono usciti di scena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.