Progetto green

Savona, il “Ferraris-Pancaldo” tende la mano all’ambiente: differenziata all’80%

Il progetto è stato fortemente voluto dalla scuola che ha poi ottenuto la collaborazione di Ata

differenziata itis

Savona. Risultati eccellenti, in soli tre mesi, sulla raccolta differenziata per l’istituto tecnico “Ferraris Pancaldo” che ha raggiunto l’80%. Un numero che testimonia come la scuola, intesa come una piccola comunità, grazie all’impegno di tutti e con la giusta formazione e la buona volontà, possa ottenere alti traguardi.

Questi dati sono emersi durante la conferenza stampa che si è tenuta ieri mattina al Novo Film Studio di Savona alla quale hanno preso parte Alessandro Gozzi, preside del Ferraris-Pancaldo, Sara Vaggi, presidente di ATA, Ambrogio Borghi, di Decathlon Savona, Grazia Franzoni, curatore del progetto e le classi che meglio di altre si sono distinte nell’impegno di differenziare i rifiuti, ovvero la 3F, la 2I, 4AN e 2 alunne della 3C, Letizia Agnolotti, Shelaily Pastore.

L’evento, moderato dal giornalista Davide Pesce, si è aperto con il video realizzato da Gino Russo, con il contributo sonoro della musica scritta da Fabio Biale, sul testo di Marino Giacchino, tutti docenti del “Ferraris Pancaldo” e cantata da un gruppo di ragazzi della scuola con l’apporto canoro del dirigente scolastico e di Caterina Frauto, docente della scuola savonene. “The song of the happy bin” è il titolo della canzone.

Se si mettono a confronto i dati raccolti nell’istituto savonese con quelli della città di Savona il divario è grande. Mentre Savona si attesta con quasi il 50% di raccolta effettuata dai cittadini savonesi, l’ISS, con i suoi circa 1600 tra studenti, insegnanti e personale ATA, raccoglie settimanalmente circa 160 chili di carta e cartone e 120 chili di imballaggi di plastica pari all’80% di raccolta differenziata.

Il progetto è nato dalla volontà della scuola che, nel suo documento di autovalutazione, ha fortemente voluto inserire l’educazione alla cittadinanza declinandolo anche verso la raccolta differenziata. Quindi lo scopo del piano è stato quello di effettuare a scuola un intervento per la raccolta differenziata coinvolgendo l’ATA.

“Ringrazio il grande lavoro – ha detto Grazia Franzoni, docente di scienze all’istituto tecnico nautico e forte sostenitrice della fondamentale importanza della differenziata come impegno per l’ambiente del personale interno alla scuola per la grande attenzione rivolta al progetto e per l’impegno impiegato nel renderlo possibile così come i colleghi e i ragazzi”.

Così a partire dallo scorso autunno un referente dell’ATA ha formato tutti i docenti, personale non docente e studenti sulle regole generali di una corretta raccolta differenziata che praticamente è partita nel febbraio scorso. L’ATA S.p.a. ha fornito i contenitori , diversificati dai colori per tipologia di rifiuto, che sono stati sistemati in ogni classe e in tutti i punti in cui si producono rifiuti riciclabili, mentre nel cortile sono stai alloggiati i bidoni dove vengono conferiti i sacchi che sono raccolti una volta alla settimana dagli operatori ATA.

“Grazie ad ATA – ha detto Alessandro Gozzi, dirigente del “Ferraris Pancaldo” – siamo anche riusciti a smaltire i rifiuti speciali, in particolare i computer non utilizzati a costo zero rispetto all’anno scorso in cui siamo stati costretti a pagare per lo smaltimento degli stessi. Sono orgoglioso di tutta la scuola e dico grazie a tutti ed in particolare al personale ATA. Come istituto ci siamo dati degli obiettivi – ha proseguito Gozzi – quest’anno in particolare ci siamo impegnati sull’educazione alla cittadinanza declinata anche per la differenziata. Questa iniziativa ci da la misura di come la motivazione e l’impegno fanno la differenza e possono portare a risultati di eccellenza anche all’interno della pubblica amministrazione. La cosa più significativa è esplicitare quello che abbiamo già fatto e proiettarci già verso un nuovo obiettivo. Sorprende molto come i ragazzi non trovino eccezionale il risultato ottenuto che ritengono, al contrario, un dovere di tutti”.

Anche Sara Vaggi, presidente di ATA, nel congratularsi con i giovani studenti ha dichiarato: ”Questo dimostra una grande sensibilità, prima come persone e poi come studenti poi. La richiesta di incrementare il numero dei contenitori dimostra l’ottimo lavoro che avete fatto”.

Al termine della manifestazione Ambrogio Borghi, di Decathlon Savona che ha sponsorizzato l’iniziativa, ha premiando i ragazzi più bravi nella differenziata con una borraccia di alluminio “Sono davvero colpito – ha detto Borghi – positivamente dalla vostra capacità con la quale, che in pochi mesi, siete riusciti a fare qualcosa di incredibile”.

La scuola, sempre in tema di differenziata, sta inoltre partecipando allo schoolcontest di COREPLA, organizzato dal ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.