IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I sindaci visitano Gsl, Cangiano annuncia: “Viale darà risposte entro 10 giorni” fotogallery

Il sindaco non entra nelle polemiche tra Vazio e Vaccarezza: "Io qui sono il sindaco di tutti, non devo far polemica ma dare risultati"

Albenga. “Ho sentito telefonicamente Sonia Viale, mi ha detto che sta facendo degli approfondimenti e che darà delle risposte entro una decina di giorni”. Lo annuncia il sindaco di Albenga, Giorgio Cangiano, durante la visita dei sindaci del comprensorio ingauno all’interno del reparto di Ortopedia di Albenga, ancora gestito da Gsl fino alla prossima chiusura del 31 luglio

gsl vertice sindaci

Dopo quella data, infatti, ad oggi non è dato sapere che fine farà il reparto. Nel corso di una telefonata, però, l’assessore regionale avrebbe garantito al sindaco di Albenga una scadenza precisa, 10 giorni: “Ne prendo atto – commenta Cangiano – aspetteremo 10 giorni ma per allora voglio avere delle risposte per il territorio che in questo momento rappresento, per delle persone che stanno perdendo il lavoro e per dei cittadini che devono avere risposte sanitarie. Sulle scelte non entreremo nel merito perché non è di nostra competenza, però certamente delle risposte le vogliamo”.

E la stessa cosa l’hanno chiesta i sindaci “accorsi” ad Albenga in risposta all’appello di Cangiano. Tra loro i primi cittadini di Alassio, Ceriale, Andora, Pietra Ligure, Tovo San Giacomo, Villanova d’Albenga, Cisano. “Siamo qua oggi con tanti sindaci, li ho chiamati ieri per oggi e sono ugualmente molti i presenti – fa notare il primo cittadino ingauno – proprio perché noi ci teniamo innanzitutto a far sentire la nostra vicinanza a persone che sono in grande angoscia, dato che potrebbero perdere il lavoro. Siamo qui per vedere con loro il reparto e far sentire la nostra vicinanza. Quello che chiediamo è che ci siano delle certezze, delle indicazioni, che ad oggi purtroppo non ci sono. Solo così si può programmare un futuro che ad oggi invece è del tutto incerto”.

Su Gsl e su Ortopedia, infatti, pende come una spada di damocle la scadenza ormai fissata del 31 luglio. Difficile pensare ad un iter complesso come un bando europeo nei due mesi che restano: “E’ chiaro che non è fattibile in tempi così ristretti – afferma Cangiano – quindi la logica sarebbe quella di pensare a una proroga che consenta di preparare un bando ben fatto, ed anche di dare a questi lavoratori, che rappresentano un’eccellenza nel loro campo, una possibilità per il futuro, visto che con un bando potrebbero trovare collocazione nel nuovo soggetto che subentrerà. Anche su questo vorremmo risposte e certezze in questo percorso”.

Quello della chiusura di Gsl è un tema molto caldo non solo a livello locale, ma si è ormai trasformato in terreno di scontro politico anche a livello regionale, con continui “botta e risposta” tra il deputato del Pd Franco Vazio e gli avversari del centrodestra come il consigliere regionale Angelo Vaccarezza. Cangiano si chiama fuori dalla discussione: “Le contrapposizioni politiche ci possono essere, ma io oggi qua voglio essere sindaco di tutti: la questione per me non è tanto quella politica, ma il dare risposte a cittadini e persone che stanno perdendo il lavoro e a un ospedale che non può permettersi di perdere un reparto così senza avere indicazioni. Io non sono qua per fare polemiche, ma per dare risultati: e sono convinto che possiamo ottenerli, chiediamo soltanto chiarezza e risposte immediate perché solo con quelle potremo dare risposte ai cittadini e a chi lavora qui”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Enrico Guidotti

    Non sono contro i dipendenti Gsl, ma in questi anni hanno chiuso centinaia di attività e mai nessuno dei sindaci che abbia mosso un dito.