IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Prima Categoria: lo Speranza ripete il 2-1 dell’andata e condanna il Città di Finale

Il ritorno della finale playout premia i savonesi

Savona. Lo Speranza resta in Prima Categoria; in Città di Finale, dopo una sola stagione, fa ritorno in Seconda. E’ il responso della finale playout del girone A.

Oggi, al “Ruffinengo” di Legino, è stata giocata la partita di ritorno. I savonesi si sono salvati ripetendo il risultato già ottenuto sette giorni fa in trasferta all’andata: la vittoria per 2 a 1.

Rocco De Marco schiera Landi, Bardhi, Castiglia, Travi, Gilardoni, Xhuri, Kurtbalaj, Milushi, Melica, Delbuono, Cedolin.

Il Città di Finale allenato da Fabio Zanardini scende in campo con Zanut, Bertone, Albini, Pamparino, Padovano, Gualerzi, Monaco, Patitucci, Cresci, Guglieri, Gervasoni.

Arbitra Gianluca Collina della sezione di Imperia.

Dopo brevi fasi di studio, al 12° la prima opportunità è per gli ospiti: calcio di punizione, in area Cresci colpisce di testa, Landi respinge; la sfera torna sui piedi di Cresci che spara alto. I finalesi sono più propositivi e cercano di imbastire azioni da rete, essendo costretti a vincere; i padroni di casa concedono pochi spazi.

Lo Speranza con il passare dei minuti inizia a spingersi in avanti e si fa notare al 25° con una conclusione di Xhuri: alta. Alla mezz’ora ci prova Patitucci, Landi fa sua la sfera.

Al 34° i savonesi passano in vantaggio: calcio d’angolo dalla destra di Cedolin e colpo di testa vincente di Bardhi. Si va al riposo sull’1 a 0.

Nel secondo tempo, dopo 4′, lo Speranza raddoppia. Ancora Cedolin dalla bandierina, in area il più lesto di tutti è Castiglia che con un tiro deviato da un finalese trova il gol del 2 a 0. Per il Città di Finale la situazione si complica ulteriormente al 7°, con l’espulsione di Bertone per proteste.

Zanardini inserisce Shkrepi per Gualerzi, Vose per Gervasoni e Rizzi per Albini. Al 21° fendente di Melica dalla distanza: traversa. Gli ospiti ci sono ancora e al 22° accorciano le distanze: Bardhi e Landi non si intendono, Patitucci si impossessa del pallone e lo mette in rete.

Al 25° Zanut compie una gran parata su un tocco di Kurtbalaj. Un minuto dopo anche i locali restano in dieci uomini: cartellino rosso all’indirizzo di Castiglia, ammonito per la seconda volta.

Il Città di Finale, però, non ha la forza per approfittarne e lo Speranza contiene bene gli ultimi tentativi degli avversari. Spazio a due cambi tra i locali: Zefi per Melica e Bruzzo per Cedolin.

E così, dopo il successo in avvio di stagione per 2 a 1 dei finalesi sul campo dei rossoverdi, e la vittoria per 3 a 1 dello Speranza al “Borel”, il doppio spareggio ha visto i savonesi imporsi due volte per 2-1, mantenendo il diritto a giocare la Prima Categoria. Il Città di Finale segue il Millesimo nella categoria inferiore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.