Attacco

Caso Gsl, Vaccarezza contro Vazio: “Fa lo sciacallo su 53 persone che rischiano il posto”

Intanto la Regione sta lavorando ad un nuovo provvedimento per consentire al reparto di continuare ad essere operativo

Albenga. “L’onorevole Franco Vazio si sta buttando sulla vicenda Gsl come un avvoltoio”. Così il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Angelo Vaccarezza replica all’attacco sferrato dal parlamentare ingauno alla giunta del governatore Giovanni Toti e più in generale a tutto il centro-destra a proposito della vicenda relativa all’azienda che gestisce il reparto di ortopedia dell’ospedale di Albenga.

“Solo un anno fa – osservava Vazio – in campagna elettorale i candidati ed i dirigenti locali di Forza Italia e della Lega Nord parlavano del potenziamento della sanità nel ponente savonese e delle eccellenze degli Ospedali di Albenga e di Santa Corona. Vaccarezza e Ciangherotti, da una parte, e Mai e Guarnieri, dall’altra, narravano le virtù di Gsl, dell’eccezionale esperienza del progetto pubblico-privato di Albenga, dove si poteva essere operati senza pagare come in un ospedale pubblico, di un pronto soccorso ad Albenga sempre aperto per le emergenze e di un grande e splendido ospedale a Santa Corona. A distanza di 12 mesi le foto, le dichiarazioni e gli impegni di questi esponenti del centro-destra dove sono finiti? Del potenziamento del pronto soccorso di Albenga non se ne parla più, gli Ospedali di Albenga e di Santa Corona sono giorno dopo giorno indeboliti, le sale operatorie vengono aperte a singhiozzo e la sanità del ponente è nei fatti avviata ad un triste e drastico ridimensionamento. Che fine hanno fatto le promesse e gli impegni assunti dall’assessore Viale dopo le manifestazioni di protesta di amministratori, associazioni e cittadini?”

“Se per la Giunta Regionale Toti-Viale l’appalto Gsl non aveva dato i risultati sperati ed era necessario avviare una nuova gara d’appalto prima della primavera 2016, il bando della nuova gara andava preparato tempestivamente. Poiché siamo quasi all’inizio dell’estate con i lavoratori pronti per essere messi sulla strada ed i professionisti con le valigie preparate in direzione di Milano, mi domando quale sia invece la strategia messa in campo. Se il nuovo bando non è ancora pronto, una proroga tecnica di qualche mese potrebbe essere una soluzione opportuna e necessaria per evitare di gettare via tutto. La giunta regionale Toti-Viale, con arroganza corre nel bosco di notte ad occhi bendati, ma a farsi male saranno come al solito i cittadini”.

La replica di Vaccarezza non si è fatta attendere: “Chissà in che veste parla Vazio – si chiede il capogruppo di Forza Italia – Parla da presidente della commissione giustizia del parlamento e quindi come colui che ha chiuso il tribunale di Albenga? O parla come avvocato di Grappliolo o come avvocato di Martino? Le tante vesti che l’onorevole Vazio ha nelle vicenda fanno in modo che non si capisca mai quale sia il suo ruolo. Una cosa è certa, sta facendo lo sciacallo”.

“Sta facendo lo sciacallo su 53 persone che oggi vedono a rischio il loro posto di lavoro per il modo di gestire suo e dei suoi colleghi di partito. Ricordiamoci che questa vicenda ha attenzionato, e non poco, la magistratura; ricordiamoci che per questa vicenda ha terminato in anticipo il suo incarico il direttore generale dell’Asl con tutto ciò che ne è conseguito e che poi vedremo nei prossimi mesi”.

Toti incontra i lavoratori di GSL in Regione

Sul fronte opposto, l’amministrazione regionale sta lavorando “con attenzione per salvare il posto di quelle 53 persone, ma con un presupposto che evidentemente non è quello con cui lavora l’onorevole Vazio: fare un provvedimento che sia politicamente corretto e legittimamente difendibile, un provvedimento che domani non sia di nuovo impugnato dalla magistratura e che generi di nuovo avvisi di garanzia e rinvii a giudizio. Un modo di ragionare diverso e più serio, cose che mi rendo conto Vazio non può capire. D’altra parte lui mica fa politica, fa l’avvocato”.

Secondo le consuete voci di corridoio, la giunta regionale starebbe mettendo a punto un nuovo provvedimento “inattaccabile” e cioè che non sia più al centro dell’attenzione dei magistrati (così come avvenuto per l’istanza di sospensione dell’attività). L’obiettivo per le prossime due o tre settimane, in estrema sintesi, sarebbe arrivare ad una proroga simile ad un commissariamento che permetterebbe al reparto di continuare ad essere operativo.

Come noto, l’affidamento dell’ortopedia di Albenga ad una società privata aveva l’obiettivo di ridurre il numero delle “fughe” di pazienti ortopedici verso altre regioni del nord. L’eventuale “chiusura” del reparto porterebbe da un alto al ripresentarsi di questo fenomeno e dall’altro provocherebbe anche l’esodo dei medici e degli altri professionisti in forza alla struttura verso altri centri simili. Insomma, un “fuggi fuggi” generale che comporterebbe non pochi danni.

L’affidamento del reparto ad un altro soggetto, infatti, avrebbe come conseguenza un periodo di “vacanza” di circa un anno, che è il tempo fisiologico necessario per l’espletamento di una nuova gara pubblica per l’individuazione del nuovo gestore e il subentro. Un lasso di tempo eccessivo che probabilmente avrebbe ripercussioni non indifferenti per i lavoratori e per i pazienti.

Caso Gsl, presidio e vertice in Prefettura

Tornando alla querelle tra Vazio e Vaccarezza, quest’ultimo ci tiene a sottolinea che “la differenza tra me e Vazio è che io sono eletto e lui è illegittimamente seduto in parlamento. Noi siamo per difendere il territorio di tutta la regione. Ovviamente chi viene, come me, eletto in quella provincia ha in quella provincia la maggior parte dei suoi interessi e delle sue conoscenze. Io conosco bene la vicenda degli ospedali di Pietra e Albenga, così come conosco bene la vicenda degli ospedali di Savona e Cairo”.

E sui dipendenti di Gsl, Vaccarezza chiosa: “Stiamo lavorando per salvarli dal disastro in cui qualcuno li ha messi. E quando si è davanti ad un disastro non si può pensare semplicemente che una proroga e basta possa mettere le cose a posto, così come sostiene Vazio. Deve essere una proroga con le caratteristiche della legittimità. Deve essere una situazione nuova che consenta di avere un posto di lavoro che non sia ogni giorno sotto l’attenzione della magistratura”.

leggi anche
Gsl di Albenga
#epoi
I dipendenti di Gsl si mobilitano su Facebook: “Quale futuro per noi e i nostri pazienti?”
presidio gsl
Soluzione cercasi
Caos Gsl, Vazio duro con Toti e centrodestra: “Mettono 53 lavoratori in mezzo alla strada”
reparto gsl
Fronte comune
Gsl, i sindaci del comprensorio incontrano i lavoratori: “La Regione decida cosa fare”
cardiologia santa corona
Stretta
Liste d’attesa e Gsl, ultimi giorni per le scelte della Regione: “Tutelare la buona sanità”
Conferenza sindaci ad Albenga sul Caso GSL
E il futuro?
Gsl, smentita di Cangiano: “Per i sindaci rimane eccellenza, ora la Regione decida”
GSL
Botta e risposta
Gsl, il Pd ingauno replica a Vaccarezza: “In 6 mesi non siete stati in grado di preparare un bando”
Gsl di Albenga
Dura replica
Albenga, Ciangherotti e Perrone (FI): “Vazio difensore di Gsl è come Erode in un asilo nido”
Gsl di Albenga
Lo scontro continua
Gsl, Vazio risponde a Vaccarezza e Guarnieri: “Il dramma di chi non sa e non vuol rispondere”
gsl vertice sindaci
Sopralluogo
I sindaci visitano Gsl, Cangiano annuncia: “Viale darà risposte entro 10 giorni”
Conferenza sindaci ad Albenga sul Caso GSL
Pochi fatti!
Gsl, De Vincenzi torna all’attacco della Viale: “Un teatrino dell’assurdo…aspettando Godot”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.