Accusato di furto su una barca a Varazze, era entrato "solo" per dormire: assolto 20enne - IVG.it
Niente condanna

Accusato di furto su una barca a Varazze, era entrato “solo” per dormire: assolto 20enne

Dalla barca effettivamente erano spariti un binocolo e degli occhiali, ma erano stati presi da un amico dell'imputato

Varazze - marina - porto

Varazze. Era accusato di aver messo a segno, insieme a tre amici, nella notte di Ferragosto del 2013 un furto all’interno di un’imbarcazione ormeggiata nel porto di Varazze. Invece questa mattina un ventitreenne di Milano, A.R.M., è stato assolto da ogni accusa “per non aver commesso il fatto”.

Grazie alla precisa ricostruzione dei fatti effettuata dal suo difensore, l’avvocato Emiliano Berruti, nel corso del processo è emerso che l’intenzione del gruppetto di amici non era certo quella di svaligiare la barca per poi darsi alla fuga, ma solo quella di trovare un posto coperto dove dormire (avevano partecipato ad uno schiuma party in discoteca ed era tardi per tornare a Milano).

Il legale, anche grazie al supporto delle telecamere di video sorveglianza della Marina di Varazze, ha infatti dimostrato come i ragazzi siano rimasti nella zona del porto per oltre cinque ore (un comportamento non compatibile con la volontà di mettere a segno un furto) e come, una volta forzato l’ingresso della barca si siano trattenuti a bordo allontanandosi addirittura in momenti diversi.

Il difensore ha anche sottolineato che a fronte della sparizione dall’imbarcazione di un binocolo ed un paio di occhiali (presi da un amico del suo assistito) il gruppetto di ventenni ha lasciato a bordo dell’attrezzatura da pesca di loro proprietà di valore superiore alla merce rubata. Elementi che, secondo il legale, non lasciavano dubbi circa la veridicità del racconto del suo assistito che effettivamente aveva ammesso di aver forzato l’ingresso della barca (immaginando fosse vuota data la presenza di un cartello “vendesi”) con l’intenzione di andarci a dormire. Di qui l’assoluzione dalla contestazione di furto aggravato.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.