IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rugby, avvincente esperienza in Costa Azzurra per i giovanissimi del Savona fotogallery

Gli aquilotti danno battaglia alle squadre locali nella culla della palla ovale

Savona. Costa Azzurra. Un papà con in spalle il suo bambino biondo e riccioluto segue altri bambini che giocano. Poco lontano un gruppo di ragazze corrono e giocano passandosi un pallone ovale. Genitori e altri bambini e ragazzi ai bordi dei prati con macchine fotografiche e borse piene di torte, focacce e panini.

Siamo a Nizza ma non ai giardini di place Massena ma nel complesso sportivo dello Stade Niçoise: uno stadio più quattro campi attigui tutti in erba sintetica, Clubhouse recensita su Tripadvisor e parcheggio bus e auto interno. Siamo nella culla del rugby transalpino: il sud della Francia. Qui si gioca già da piccoli con mischia e touche, qui il rugby è seguito più del calcio.

Il Savona Rugby con le sue formazioni Under 8, 10 e 12 è stato invitato sabato 2 aprile insieme agli amici del Sanremo Rugby per un’amichevole con i pari età dello Stade Niçoise, la squadra cittadina di rugby. Come è usanza, lo stadio è stato dedicato ai più grandi e qui si sono svolte le partite Under 12, il campetto “piccolo” per l’Under 8 e quello intermedio per gli Under 10.

Chi si aspettava una “passeggiata” da parte dei francesi è rimasto deluso. L’insieme delle forze di Savona e Sanremo Rugby (in una sorta di rappresentativa della west coast ligure) ha permesso di giocare partite aperte, combattute e anche di vincerne alcune da parte degli Under 12, Under 8 e Under 10. Questi ultimi divisi in due compagini per l’alta numerosità di partecipanti sia italiani che francesi: squadre A e B organizzate per livello tecnico ed esperienza si sono affrontate su due campi allestiti per l’occasione. La squadra A composta interamente da giocatori del Savona Rugby e la squadra B composta da giocatori del Sanremo con quattro “prestiti” dei biancorossi.

E’ però sul campo 1 dove giocava la squadra A biancorossa che, con il passare dei minuti, tutti i distratti e sorridenti amici francesi presenti hanno cominciato ad avvicinarsi, incuriositi non solo per il tifo a bordo campo dei numerosi supporters al seguito, ma soprattutto per i risultati: la prima partita con la squadra B dello Stade Niçoise è finita 1-6 per il Savona. I commenti alla fine della prima partita erano: “D’accordo, ma adesso arriva la squadra A, non illudiamoci”.

Inizia la seconda partita, di fronte le due squadre A. Dopo il primo tempo il risultato è 1-0 per i padroni di casa, che segnano a tempo praticamente scaduto una combattutissima meta. “Il Savona tiene testa ai cugini francesi con una difesa impeccabile, ripartenze e spostamenti di gioco davvero pregevoli”. Saremmo stati contenti di scrivere già questo. Ma c’è il secondo tempo.

Il Nizza insiste ma Savona pareggia con una palla rubata e schiacciata immediatamente in meta. Prendono però poi il largo i francesi su un intercetto prima e con una bella meta su sviluppo aperto dopo. E’ il 3-1. Ma gli aquilotti non sono venuti qui da turisti: il 3-2 è segnato su azione veloce e sostenuta e gli ultimi minuti sono un susseguirsi di fasi di attacco del Savona con una difesa strenua dei francesi contro la voglia e la combattività degli aquilotti. Al fischio finale dell’arbitro l’abbraccio degli avversari che annuivano esausti ma sorridenti; era la consegna sportiva di un pareggio che il campo ha decretato, al di là del risultato.

Riconoscimento tutto rugbistico che non si è fermato però ai piccoli giocatori: il responsabile della scuola rugby dello Stade Niçoise Florian Beguine è andato personalmente a complimentarsi con Ulisse Becher, head coach del settore giovanile del Savona Rugby, sottolineando come questa squadra non solo era al loro livello, ma anche a quello delle squadre britanniche partecipanti al torneo internazionale di Nizza, che nel 2017 (cito le testuali parole tradotte dal francese) “non potrà fare a meno della presenza del Savona Rugby che quindi invitiamo ufficialmente a partecipare”.

Per i piccoli come per i grandi. In questo sport bellissimo è così: i più forti quando riconoscono il valore dell’avversario sul campo lo applaudono e lo invitano a giocare.

Così Ulisse Becher a fine partita: “E’ per noi una giornata memorabile. Questi ragazzi emozionano per crescita, voglia, disciplina, grinta, coesione, sostegno reciproco. Dai più piccolini dell’Under 8 ai più grandi dell’Under 12, passando per questa Under 10 che addirittura è stata invitata a partecipare al torneo internazionale di Nizza 2017 dove partecipano rappresentative da Inghilterra, Irlanda, Scozia, Galles e Francia. E’ un orgoglio grandissimo per noi tutti allenatori, dirigenti, genitori e società. Non è retorica. E’ un risultato che arriva dall’impegno e dalla passione di tutti, nessuno escluso“.

Con ancora negli occhi i calci di spostamento di Boraschi, le sgroppate di Devasini e Garzoglio, i placcaggi di Gibellini e Ferrando, la spinta del pack di mischia Bertolotto-Podestà-Ciorra e gli inserimenti del mediano di mischia Galuppo, la veronica in meta di Francioso, le palle rubate da El Bably, Soldati e Napolitano, le azioni dei compagni prestati al Sanremo Rugby Agoglio, Calcagno, Valenza e Foffi che hanno sostenuto i compagni, si arriva al terzo tempo, con la seguente formazione: Prosecco di Valdobbiadene, Bonarda dell’Oltrepò Pavese, focaccia ligure, salame felino, torte delle mamme rugbiste. Non c’è stata partita! Con buona pace degli amici della Clubhouse francese, che sorridendo hanno tirato giù le serrande della Clubhouse e sono venuti a bere con i savonesi…

Le formazioni del Savona Rugby.

Under 8: Ferrentino, Petricelli, Rossi, Gaggero; all. Rossi, Gaggero.

Under 10: Boraschi, Devasini, Garzoglio, Gibellini, Ferrando, Bertolotto, Podestà, Ciorra, Galuppo, El Bably, Soldati, Napolitano, Agoglio, Calcagno, Valenza, Foffi; all. Piras, Becher; ass. G. Devasini.

Under 12: Rossi, Avondoglio, Rapetto, Bruzzone, Orengo, Giuliano, Vannoni, Aversa, Fossati, Catarsi, Incorvaia; all. Essaber, R. Avondoglio; ass. M. Bruzzone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.