"Il nostro mare e le nostre spiagge saranno pulite", rassicurazioni dalla Regione - IVG.it
Nessun rischio

“Il nostro mare e le nostre spiagge saranno pulite”, rassicurazioni dalla Regione fotogallery

Toti e Berrino invitano a non fare allarmismi e sono pronti a lanciare una campagna mediatica per tranquillizzare operatori e turisti

fegino valpolcevera giorno dopo

Savona. “Non c’è alcun rischio per le nostre spiagge e il nostro mare, sbagliato creare inutili allarmismi”. Lo ha ribadito oggi pomeriggio l’assessore al turismo Gianni Berrino, a margine della giunta regionale che si è svolta a Savona e con al centro proprio la rottura dell’oleodotto che ha creato allarme nel comparto turistico con la stagione ormai alle porte.

“Ci vuole ancora cautela e massima attenzione, tuttavia mi pare di poter affermare che non ci saranno problemi per le zone balneabili: voglio rassicurare quanti hanno già prenotato e quanti vorranno farlo per venire in vacanza in Liguria”.

“Le chiazze di greggio saranno recuperate e l’attività di bonifica prosegue a pieno ritmo. Il mare della Liguria sarà pulito”. “Se ci sarà necessità – conclude Berrino – siamo comunque pronti a promuovere una campagna mediatica per tranquillizzare chi ha già prenotato e convincere il mercato degli indecisi a venire in Liguria”.

Anche il governatore Giovanni Toti ha voluto lanciare messaggi rassicuranti: “C’è massima attenzione e monitoraggio della situazione che crediamo possa essere contenuta. Per la stagione estiva non ci saranno problemi e operatori e turisti possono stare tranquilli”.

leggi anche
  • La preoccupazione
    L’onda nera genovese avvistata a Varazze, già inquinato il mare di Pegli
    pericolo petrolio
  • Sfida
    “Terrorismo sulle spiagge italiane”, tutti contro la Bild con gli hashtag #azzurro e #WilkommenInItalien
    isola gallinara
  • Turismo on
    Berlangieri (Upa): “Allarme terrorismo ingiustificato, Riviera meta sicura”
    angelo berlangieri

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.