No trivelle, i volontari di Accademia Kronos in piazza per informare gli andoresi - IVG.it
L'iniziativa

No trivelle, i volontari di Accademia Kronos in piazza per informare gli andoresi

I volontari: "Dobbiamo lavorare, fare ricerca e investimenti per fare in modo che la dipendenza dagli idrocarburi venga sempre meno"

accademia kronos andora

Andora. I volontari di Accademia Kronos, sezione di Andora, questa mattina erano in piazza Santa Maria. Hanno allestito un banchetto ad una settimana dal referendum in programma domenica prossima. “E’ stata un’occasione utile per chiarire il contenuto del quesito cercando di dare tutte le informazioni necessarie per consentire agli andoresi di poter valutare se andare a votare e come votare”, ha detto il presidente Andrea Stalla.

E questa mattina i volontari della sezione andorese di Accademia Kronos hanno voluto ricordare che “votando sì, al contrario di quello che si dice da più parti, non si mette in gioco il futuro energetico del Paese, non si mandano tutte quelle migliaia di persone che oggi prestano servizio sulle piattaforme, semmai il quesito dice chiaramente “una volta scadute del concessioni vanno rinnovate o no?”‘. Ricordiamo – sottolineano ancora da Accademia Kronos – che le concessioni demaniali hanno un inizio e una fine questo per consentire allo Stato di poter fare tutte le opportune verifiche e quindi valutare se rinnovarle. Se invece viene data una concessione infinita lo Stato non ha modo di controllare, nessun elemento di contrattazione, nei confronti dei concessionari che a questo punto si sente libero di comportarsi come meglio ritiene. Ricordiamo anche che la legge dello Stato sulle concessioni consente le proroghe e i rinnovi. E quindi non capiamo veramente che cosa significhi toglierci la possibilità di poter esprimere il nostro democratico pensiero”.

Altro tema è anche il futuro energetico di questo Paese. “In questo caso – dicono da Accademia Kronos- siamo fermamente convinti che momentaneamente non possiamo fare a meno degli idrocarburi, ma sicuramente dobbiamo lavorare, fare ricerca, investimenti per fare in modo che la dipendenza dagli idrocarburi venga sempre meno”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.