Accertamenti in corso

Fermati con una pistola carica in auto: restano in carcere fotogallery

Tra le ipotesi prese in considerazione dagli inquirenti c'è quella di un regolamento di conti

Arma in auto: due arresti a Pietra Ligure

Pietra L. Restano in carcere a Genova Marassi Klodian Xhetani, 31 anni, albanese, e Slavisa Jerenic, 37, di nazionalità serba, le due persone finite in manette venerdì sera nel corso di un normale controllo stradale perché trovati in possesso di una pistola calibro 6,35 con il colpo in canna nascosta in auto.

I due stranieri, entrambi domiciliati in provincia di Cuneo, sono stati interrogati dal gip Francesco Meloni che ha convalidato gli arresti e confermato la misura di custodia cautelare in carcere. Secondo quanto trapelato, Xhetani e Jerenic, che sono assistiti dall’avvocato Umberto Luzi, hanno risposto alle domande del giudice davanti al quale avrebbero spiegato di essere arrivati in Riviera per un “regolamento di conti” (gli inquirenti stanno svolgendo ulteriori accertamenti proprio sulla base delle dichiarazioni dei due arrestati).

A scoprire l’arma nascosta nell’auto sono stati i carabinieri impegnati in un posto di blocco al casello autostradale di Pietra Ligure. I militari, dopo aver intimato l’alt, hanno chiesto i documenti all’autista e al suo passeggero, ma nel vano porta oggetti hanno notato spuntare un pezzo di ferro. Sospettando potesse essere una pistola hanno proceduto ad un controllo più approfondito che ha permesso di scoprire l’arma.

A quel punto per Xhetani e Jerenic sono scattate le manette visto che nessuno dei due aveva il porto d’armi e la pistola non è risultata registrata sul Catalogo Nazionale delle Armi da Fuoco.

Più informazioni
leggi anche
Arma in auto: due arresti a Pietra Ligure
Durante un controllo
Tra i documenti dell’auto c’è una pistola calibro 6.35 clandestina: arrestati a Pietra

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.