Cangiano in visita alla moschea di Albenga, si rafforza il dialogo con i musulmani - IVG.it
Amicizia e sicurezza

Cangiano in visita alla moschea di Albenga, si rafforza il dialogo con i musulmani fotogallery

E i bambini danno il benvenuto alla festa religiosa intonando l'Inno di Mameli

Albenga. I bambini hanno intonato l’Inno di Mameli per dare il benvenuto alle autorità che oggi hanno fatto visita alla moschea di regione Bagnoli, la seconda più grande della Liguria. Si rafforza il dialogo tra la comunità musulmana locale e l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giorgio Cangiano dopo il primo incontro con il nuovo Imam Alaa Ramzi.

Alla festa religiosa di questa mattina c’erano anche altri assessori, i vertici delle forze dell’ordine e Roberto Hamza Picardo, responsabile dell’Ucoii. Una visita nel centro culturale islamico dove i bambini studiano la domenica e dove vengono promosse iniziative che vedono la partecipazione di musulmani provenienti anche da altre province della Liguria.

Alla moschea di Albenga, come era stato anticipato nel corso del precedente incontro con l’Imam, è stato installato il nuovo impianto di videosorveglianza. Questo per garantire una maggiore sicurezza anche per coloro che frequentano questo luogo di culto.

“Quella di oggi è stata una bella occasione di incontro tra l’amministrazione comunale e la comunità islamica che qui promuove diverse iniziative – ha detto il sindaco Cangiano – Era importante essere qui oggi anche per dimostrare la nostra vicinanza e il nostro rispetto ad una comunità molto presente ad Albenga”.

E oggi al centro islamico di regione Bagnoli sono arrivati musulmani anche da altre province della Liguria per partecipare alla festa che segna l’arrivo del nuovo Imam.

leggi anche
  • L'intervista
    Alla Moschea di Albenga telecamere attive e livello di sicurezza aumentato
    mosche albenga imam
  • Uniti
    Albenga crocevia di pace: a settembre un grande incontro tra religioni
    Albenga Comunità Musulmana Borghetti

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.