Tovo San Giacomo, sì dal Consiglio comunale alla cittadinanza onoraria per Bergallo - IVG.it
Atto di riconoscenza

Tovo San Giacomo, sì dal Consiglio comunale alla cittadinanza onoraria per Bergallo

Dopo le polemiche sulla scelta dell'amministrazione arriva il sì del parlamentino tovese

Giovanni Bergallo

Tovo San Giacomo. Il Consiglio comunale di Tovo San Giacomo (con i voti contrari dei tre consiglieri di minoranza) ha conferito la cittadinanza onoraria al comm. Giovanni Battista Bergallo erede dell’ultimo maestro orologiaio Giovanni Bergallo.

“L’atto di oggi è un gesto di riconoscenza verso una famiglia il cui cognome viene ormai legato alla nostra comunità: dall’apertura nella sua versione definitiva (aprile 2011), il nostro museo ha avuto un crescendo di visite e di riconoscimenti pubblici oltre ad essere diventato uno dei punti di aggregazione culturale della nostra valle e non solo” dice il sindaco Alessandro Oddo.

“I visitatori provengono da tutta Italia ed i saluti che si possono leggere sul libro delle visite sono tutti di stupore e meraviglia. Inoltre, solo negli ultimi due anni, grazie alla presenza a Bardino Nuovo del Museo Bergallo, le troupe televisive nazionali sono venute a visitare il nostro territorio (Sereno Variabile) e lo stesso museo è stato ospite a trasmissioni popolari e di grande richiamo (I fatti vostri su Rai Due). Il merito di questo successo va a molte persone: dal conservatore Sergio Bendo al restauratore Zefferino Pollione, dalla Cooperativa che gestisce la struttura e organizza i laboratori didattici, alle tante persone che negli ultimi 25 anni hanno lavorato per la nascita e la crescita del Museo”.

“Dalla morte di Giovanni Bergallo sono passate a Tovo San Giacomo tante amministrazioni comunali e tutte si sono impegnate per far sì che questa struttura diventasse quello che è diventata oggi e sono convinto che chiunque verrà dopo non potrà che impegnarsi nell’ulteriore crescita del Museo” aggiunge ancora il sindaco Oddo.

“Con il conferimento della cittadinanza onoraria, l’amministrazione comunale ha voluto ringraziare il comm. Giovanni Battista Bergallo e tutta la sua famiglia per aver esaudito le volontà dell’ultimo orologiaio da torre della nostra valle donando gli orologi che abbelliscono il Museo, il prezioso archivio storico e permettendo inoltre che l’antica officina Bergallo, all’inizio di Bardino Nuovo, rimanesse a disposizione pubblica e per la quale il comune ha già ottenuto un primo finanziamento dalla Fondazione De Mari per il suo restauro”.

“Ricordo infine che chi volesse approfondire la conoscenza delle vicende e della storia di Giuanin Bergallo, potrà farlo con il libro Quadranti e Sfere di Norma Disconzi in vendita presso il Museo e presso le attività commerciali di Tovo” conclude il primo cittadino tovese.

leggi anche
Inaugurazione Casa ValMaremola a Tovo San GIacomo
Voto contrario
Tovo, la cittadinanza onoraria a Bergallo diventa un caso politico: “Scelta imposta ad ogni costo”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.