IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, tutto pronto per l’intitolazione del palazzetto dello sport a Settimio Pagnini

La cerimonia si aprirà con lo scoprimento della targa commemorativa da parte delle nipoti di Pagnini, Daniela e Marcella Roseo

Savona. Sabato alle 17.30 si terrà la cerimonia di intitolazione a “Palazzetto dello Sport Settimio Pagnini” del palazzetto dello sport (già “Palestra Coni”) di corso Tardy & Benech.

La cerimonia fa seguito all’approvazione della commissione toponomastica (riunita lo scorso 2 febbraio) della determina di giunta del 26 gennaio presentata dall’assessore allo Sport Luca Martino, su proposta e con un percorso condiviso con Anna Accarini, Alberta Pongiglione e Donatella Polzoni, in memoria all’ex allenatore della nazionale femminile di pallacanestro Settimio Pagnini.

“Come è noto – dichiara l’assessore Martino – l’mministrazione comunale aveva da tempo pensato di attribuire il nome di Settimio Pagnini ad un impianto sportivo cittadino, quale riconoscimento alla figura di un protagonista della storia della nostra città, ed al percorso significativo della sua vita, collegato alla Resistenza e all’impegno nella promozione dello sport. Alla nostra volontà, si è aggiunta la richiesta che ci è pervenuta da parte dei rappresentanti dell’Associazione Dilettantistica Scuola Basket Team ’98, fondata da Pagnini, a cui si è aggiunta una raccolta firme promossa da numerose persone tra cui ex allieve di Settimio. Considerando che, tra i molti sport cui si era dedicato, il basket era quello che più gli stava a cuore, abbiamo scelto il Palazzetto dello Sport in Corso Tardy & Benech, privo di un nome specifico, quale impianto da intitolare a suo nome. Invitiamo tutti i cittadini a partecipare alla cerimonia di intitolazione, in programma il prossimo sabato 5 marzo, alle ore 17.30”.

La cerimonia si aprirà con lo scoprimento della targa commemorativa da parte delle nipoti di Pagnini, Daniela e Marcella Roseo, e proseguirà con i saluti dell’amministrazione e la benedizione del vescovo della diocesi di Savona-Noli Monsignor Vittorio Lupi. Parteciperanno FipP (Federazione Italiana Pallacanestro), Anpi, Associazione Alpini, l’Associazione Dilettantistica Scuola Basket Team ’98 ed alcune giocatrici che vinsero con Pagnini l’Europeo del 72.

Ecco il ritratto di Pagnini nelle parole di Felice Rossello: “Pagnini, morto il.15 ottobre 2015 a 94 anni, fu partigiano, alpino, allenatore nello staff della nazionale di basket, uomo a tutto tondo come in genere sono le persone che hanno vissuto il periodo più buio per l’Italia, quello del fascismo. Tra le altre cose da ricordare ci sono inoltre i seguenti eventi: proprio quest’anno, la sua prima creatura cestistica, la Cestistica Savonese, da lui poi abbandonata compie 70 anni, essendo stata fondata nel novembre del 1946. Annotazione: il dottor Settimio Pagnini, laureato in economia, fu per tutta la vita un solerte funzionario comunale di Savona. Uomo schivo stundaio, malgrado le sue origini non fossero liguri, incarna tutte le caratteristiche della nostra regione che consistono nel parlare poco ma chiaro, agire senza apparire.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fia

    Vorrei solo dire che le due donne che scopriranno la targa sono perfette estranee. Sono le figlie del fratello della moglie di Settimio. Le vere cugine, quelle di sangue, non sono state neanche contattate dal Comune di Savona. Io sono orgogliosa che il Palazzetto dello sport avrà il cognome di mio cugino visto che la mia bisnonna era la sorella del papà di Settimio. Quelle due hanno cercato di allontanarmi dall’obitorio e dal funerale solo per vivere i loro 15 minuti di gloria sulle spalle di mio cugino. Quando mai si è visto un carro funebre arrivare al cimitero con a bordo i parenti del defunto che salutano come fossero la Regina Elisabetta sulla carrozza? Brava Amministrazione è così che ci si comporta! Loro torneranno a Torino ma noi restiamo qui ! Per loro i 15 minuti passeranno a me il sangue di Pagnini continuerà a scorrere nelle vene x tutta la vita!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.