Basi

Regione, l’assessore Cavo: “Nuovi criteri per il finanziamento degli eventi culturali”

"L’obiettivo dei nuovi criteri è quello di sostenere le iniziative rilevanti e i grandi eventi evitando la dispersione a pioggia dei finanziamenti"

Regione Liguria

Regione. Capacità di fare rete, di promuovere il territorio, di dimostrare la rilevanza storica di un evento o di innovare rispetto al panorama culturale esistente.

Sono questi i criteri principali individuati dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore alla cultura Ilaria Cavo, in base ai quali si prevede di finanziare le iniziative culturali con il capitolo dedicato ai “Grandi eventi”, in ottemperanza a quanto previsto dal Growth Act (la legge sulla crescita che ha dedicato l’art. 12 alla cultura).

“L’obiettivo dei nuovi criteri – ha spiegato l’assessore Cavo – è quello di sostenere le iniziative rilevanti e i grandi eventi evitando la dispersione a pioggia dei finanziamenti, visto anche il taglio delle risorse a livello nazionale, e di promuovere il territorio e quelle realtà che, più di altre, sono capaci di fare rete e mettersi insieme”.

“Inoltre abbiamo voluto prevedere un punteggio (finora mai previsto) anche per le idee più innovative, perché ci deve essere spazio anche per la novità, oltre che per quelle iniziative che sapranno dimostrare di essere storiche e consolidate”.

“I nuovi criteri evitano anche l’assistenzialismo culturale: i progetti dovranno esseri validi per se stessi e reggersi finanziariamente, infatti il contributo regionale, per chi raggiungerà il massimo punteggio, non potrà superare il 50 per cento del costo delle singole iniziative”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.