Primarie Savona, Battaglia contro Lirosi: "Il ricambio è indispensabile" - IVG.it
Rispettare le regole

Primarie Savona, Battaglia contro Lirosi: “Il ricambio è indispensabile”

"Dovrebbe essere il primo ad applicare quanto previsto dallo statuto del suo e del mio partito che prevede un limite ai mandati”

Savona. La campagna elettorale per le Primarie del Pd a Savona continua ad essere calda. Stavolta nel mirino dell’aspirante sindaco Cristina Battaglia è finito l’assessore Francesco Lirosi “reo” di aver spedito una lettera ai cittadini savonesi.

“Leggo che l’assessore Lirosi ha inviato una lettera a molti cittadini savonesi in cui rivendica la sua esperienza amministrativa e sostiene che io adotterei vecchi modelli di fare politica perché, parlando di rinnovamento, gli impedirei di candidarsi in consiglio comunale dopo sei mandati consecutivi (30 anni). Io ho grande rispetto per il lavoro svolto da Lirosi come assessore e come presidente dell’assemblea cittadina, tanto che è stata una delle prime persone con cui ho parlato già nello scorso mese di gennaio” spiega Battaglia.

“Tuttavia non credo di dire cose stravaganti se ritengo che sia indispensabile il ricambio ed il rinnovamento anche in politica e se credo che i nostri elettori ce lo chiedano con forza. Penso anche che Lirosi, come presidente dell’assemblea cittadina del Partito Democratico, dovrebbe essere il primo ad applicare quanto previsto dallo statuto del suo e del mio partito che prevede un limite ai mandati” osserva la sfidante di Livio Di Tullio.

“Le regole valgono per tutti. Si applicano sempre: agli altri ma anche a noi stessi. Io ho accettato con grande rispetto e serenità di fare le primarie come prevede il nostro statuto e come ha chiesto e voluto, tra gli altri, proprio l’assessore Lirosi. Lui, con altrettanto garbo e serenità, accetti di fare spazio ad altri” conclude Battaglia.

leggi anche
  • Al voto/1
    Primarie Pd, l’appello al voto di Cristina Battaglia

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.