Innovazione

Istituto comprensivo Andora-Laigueglia, nuove dotazioni informatiche per gli studenti

Laigueglia. Proseguono alle Scuole dell’Infanzia e Primaria di Laigueglia i progetti di partenariato tra Comune di Laigueglia e Istituto Comprensivo di appartenenza per l’implementazione delle dotazioni informatiche in uso a studenti ed insegnanti del plesso.

Si concretizza quindi maggiormente l’idea iniziale delle insegnanti di Laigueglia, coordinate dalla Fiduciaria e dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Teresa Nasi, che dopo aver ottenuto ed installato (con il contributo dell’amministrazione comunale e della Fondazione A. De Mari Cassa di risparmio di Savona) in tutte le classi le LIM (nell’ambito del progetto MIUR Scuola digitale – LIM) ormai da tre anni già in uso agli studenti laiguegliesi, confermando con i fatti la naturale positività del loro quotidiano utilizzo ed individuando nella LIM uno strumento efficace per promuovere un percorso graduale di innovazione nella didattica.

La LIM, corredata da un Videoproiettore e da un PC, permette infatti che la didattica in ambiente digitale sia una esperienza quotidiana e non un evento episodico.

Così avviato il processo strategico di innovazione digitale, oggi lo stesso viene completato e rafforzato mediante la dotazione di 16 nuovi personal computer portatili per garantire a ciascun alunno della classe di Scuola Primaria di poterne fruire direttamente ed esteso anche alla scuola materna con dotazione di nuovo video proiettore e nuovo pc portatile anche per le due sezioni degli studenti più piccoli. Sono state contestualmente consegnate le borse porta computer e le chiavette di memoria per ciascun studente, entrambe con logo del Comune, per permettere una fruizione comoda ed efficace delle nuove dotazioni.

I computer portatili potranno quindi essere utilizzati direttamente in classe ed il lavoro personale salvato nella propria scheda di memoria ove eventualmente inserire anche testi didattici, con possibilità di trasferire tutto nel computer di casa con poca fatica e nessuno sforzo fisico.

La Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi del Ministero dell’Istruzione ha infatti promosso, dandone ampia diffusione, il Piano Scuola Digitale per modificare gli ambienti di apprendimento attraverso l’integrazione delle tecnologie nella didattica.

A tal proposito sottolinea lo stesso Ufficio come gli ambienti in cui la scuola e gli studenti sono immersi sono ricchi di stimoli culturali molteplici ma anche contraddittori. Occorre un’organizzazione didattica che aiuti a superare la frammentazione della conoscenza e ad integrare le discipline in nuovi quadri d’insieme. Per questo occorre trasformare gli ambienti di apprendimento, i linguaggi della scuola, gli strumenti di lavoro ed i contenuti.

L’innovazione digitale rappresenta per la scuola l’opportunità di superare il concetto tradizionale di classe, per creare uno spazio di apprendimento aperto sul mondo nel quale costruire il senso di cittadinanza e realizzare “una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”, le tre priorità di Europa 2020.

I programmi del MIUR di prima generazione, attraverso i quali il mondo della scuola si è avvicinata all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione evolvono oggi in una dimensione nella quale la tecnologia si integra nella didattica di classe. Non più la classe in laboratorio ma il laboratorio in classe: una strategia tante azioni.

In tale ottica il Comune di Laigueglia e la Scuola Pubblica cercano, pur con i limiti e le ristrettezze di bilancio (affatto migliorate dalle ultime normative di settore), di conformarsi al modello ministeriale proposto, mediante un processo graduale ma costante cui tendere per stimolare al meglio la vivacità e l’intraprendenza delle nuove generazioni di studenti.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.