IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cristina Battaglia racconta la sua idea di città: “Savona oggi è bella, deve diventare bellissima”

La candidata alle primarie annuncia "volti nuovi" e zittisce le critiche: "L'unica mia città è Savona"

Savona. “Savona oggi è bella, e deve diventare bellissima. Savona in questo momento ha difficoltà sul tema del lavoro, e deve invece diventare una città in cui si trova lavoro; è una città poco innovativa e lo deve diventare molto; è una città in questo momento poco collegata al resto del mondo, e deve diventare europea. E poi bisogna abbassare l’età media, che ora è alta”.

cristina battaglia

Ecco il sogno di Cristina Battaglia, candidata alle primarie del Pd per le elezioni a sindaco della città della Torretta, che martedì ha dato il via alla sua campagna elettorale davanti a una Sala Rossa gremita di simpatizzanti, attivisti dei comitati e semplici cittadini venuti ad ascoltare la sua idea di città.

Quella che descrive è una Savonache guarda lontano, al futuro, ma contemporaneamente anche alla quotidianità. Guarda lontano perché si impegna sui temi del lavoro e della vivibilità, perché è una città giusta per tutti che non lascia indietro nessuno; guarda alla quotidianità dialogando con tutti, con i quartieri, con i cittadini che nei quartieri vivono e con chiunque voglia partecipare a questo progetto”.

Dalla sua, rispetto al compagno/avversario Livio Di Tullio, ha l’immagine di una “tecnica”, non avendo mai ricoperto incarichi politici nella sua storia. Lei, però, non nega che la gestione della cosa pubblica la appassioni: “Io sono una tecnica che però è sempre stata vicina alla politica – spiega – la amo e trovo che sia un impegno meraviglioso. Ho fatto le primarie con Veltroni nel 2007, in quegli anni sono stata attiva e per questo anzi rivendico un percorso politico. Sono un tecnico perché il mio percorso professionale non è dentro la politica, che non mi ha mai dato lavoro“.

Come tutti i tecnici, il rischio è quello di essere poco avvezza agli “equilibrismi” richiesti dal bilancino politico post-voto: Battaglia però non si preoccupa. “Io credo di essere un po’ allergica ai tatticismi politici intesi alla vecchia maniera… se invece la politica è buonsenso mi appartiene, assolutamente”.

Martedì, di fronte alla platea, Battaglia ha invocato la necessità di cambiare i volti in Comune, di portare una ventata di novità. “Io di questo sono convinta, non è uno slogan o ideologia – conferma – Penso che dopo 10 anni di amministrazione sia sempre necessario per guardare al futuro e trovare stimoli nuovi cambiare le persone, facendolo su un criterio scontato: il merito, le competenze e la voglia di fare”.

Un discorso, assicura, che non è in contrapposizione con quanto fatto dall’attuale primo cittadino, Federico Berruti, tra i suoi primi “sponsor” e in prima fila martedì sera ad applaudirla. “Il sindaco uscente – spiega la candidata – fa un’analisi del suo mandato e, come è giusto che sia, individua alcuni punti di eccellenza, alcune cose fatte molto bene e altre su cui invece bisogna lavorare in modo diverso, o comunque trovare il modo di innovare. Io trovo sia un atteggiamento serio e molto naturale, difficile che chi ha governato per 10 anni abbia fatto tutto bene e che comunque nei 10 anni successivi non ci sia bisogno di un impulso nuovo. Credo sia un ragionamento utile alla città, e utile per impostare un progetto davvero innovativo”.

Un bagno di folla, quello di tre giorni fa, che rappresenta anche una risposta a chi accusava Battaglia di essere “catapultata” da fuori e di non conoscere la città. L’accoglienza dei savonesi, spiega lei, è stata ottima: “Qualcuno in modo strumentale utilizza questo argomento della mia ‘non savonesità’. Io sono una savonese, prestata a Genova per motivi di lavoro, che rimane savonese e ama la sua città. L’unica mia città è Savona”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    Proclami e visioni da campagna elettorale!!

    Fantacienza