IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primarie Pd, Arnaldi getta la spugna: “Meccanismo pensato per ‘far fuori’ chi non è nel giro”

Il terzo incomodo prende atto: "Difficile ottenere il consenso di 40 delegati del partito"

Savona. “Mi sarà difficile riuscire a partecipare alle primarie“. Non una resa, ma poco ci manca: la presa d’atto arriva da Giuliano Arnaldi, da tempo candidatosi, in alternativa a Tiziana Saccone, quale “terzo incomodo” tra Livio Di Tullio e Cristina Battaglia alle primarie savonesi del Pd.

Non mi preoccupa tanto la raccolta di 200 firme di cittadini savonesi, quanto il consenso di 40 iscritti al PD sui 188 attuali” spiega il consigliere comunale di Onzo e presidente della Fondazione TribaleGlobale, che non risparmia una frecciatina al meccanismo: “di fatto sono i 188 iscritti savonesi (e chi li dirige) a fare la prima selezione, insieme ai dirigenti di quel che resta di una coalizione che in termini di numeri mi pare più vicina al condominio (litigioso…) che alla comunità: insomma sono i “politici” a dettare le regole su come si dovrà affrontare il giudizio dei cittadini, il tutto, se ho capito bene, entro 8 giorni…”.

Il Pd cittadino ha scelto regole molto blindate – accusa Arnaldi – che rendono difficile la possibilità a chi non non è ‘nel giro’ di provare a proporre un pensiero diverso e avere il tempo di farlo conoscere. Difficile non registrare il fatto che anche ciò aiuti oggettivamente Livio: nonostante oggi voglia distinguersi dal suo sindaco, negli ultimi decenni è stato segretario della CGIL, segretario del partito e vicesindaco: protagonista quindi di ogni scelta fatta per Savona negli ultimi quindici anni”.

Arnaldi è fatalista: “Sarà il tempo a stabilire la lungimiranza delle scelte metodologiche del Pd di Savona, nell’ottica di vincere le elezioni e non solo le primarie. Per ciò che mi riguarda ‘tengo il punto’ sui temi che mi sono cari: primarie che uniscono e non dividono, di coraggioso ascolto, sui contenuti, che producano un progetto unitario, innovativo e vincente per Savona”.

In chiusura una nota polemica: “Avrei espresso volentieri il mio pensiero venerdì sera: mi ero diligentemente prenotato per parlare alla fine dell’ODG. Ma la fretta con cui il Presidente Lirosi ha chiuso la riunione non me lo ha consentito…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.