IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciopero Piaggio, la rabbia dei lavoratori: “Presi in giro dopo anni di sacrifici” fotogallery

Tra i lavoratori c'è sconcerto e perplessità per la decisione dell'azienda di mettere in cassa altri 200 dipendenti di Villanova e Sestri

Più informazioni su

Villanova d’Albenga. Gli elementi del possibile successo ci sono tutti: uno stabilimento nuovo, le commesse, i lavoratori, un programma di sviluppo. Eppure parte di loro è finita ugualmente in cassa integrazione. Perché?

protesta piaggio villanova sciopero

E’ certamente questa la domanda che si sono posti con maggiore frequenza i dipendenti della Piaggio di Villanova d’Albenga che questa mattina hanno bloccato lo stabilimento e poi hanno manifestato in corteo contro la decisione dell’azienda di confermare la procedura di cassa integrazione per 200 lavoratori tra Villanova e Sestri (in aggiunta agli oltre 150 già in cassa).

Una decisione che i sindacati hanno definito “unilaterale” e soprattutto “ingiustificata”, anche alla luce dei previsti carichi di lavoro 2016. In tanti, quindi, si sono chiesti i motivi per cui l’azienda abbia deciso di procedere con questa mossa visto il recentissimo investimento per trasferire il sito produttivo da Finale a Villanova e le tante commesse arrivate nell’ultimo periodo.

“Siamo qua a chiedere il perché – si chiede un dipendente – Abbiamo lo stabilimento nuovo, abbiamo le commesse, abbiamo i programmi di sviluppo e siamo in cassa integrazione? Qualcuno deve spiegarcelo. Il Governo deve farsi da garante e fare in modo che qualcuno ci spieghi il perché di tutto questo. Da soli non riusciamo”.

“Nessuno se l’aspettava – commenta sconcertato un dipendente – Pensavamo che le cose andassero diversamente. Anzi, dovevano andare diversamente. L’ha detto anche la nostra dirigenza qualche giorno fa. Invece è stato tutto il contrario di quello che hanno detto. E così siamo qua a manifestare”.

“Qualcosa che non va c’è se siamo fermi e ci vogliono mandare a casa – sospetta un dipendente – Siamo molto preoccupati. In ballo c’è il nostro stipendio, la nostra vita”.

“Siamo preoccupati – dice un altro lavoratore – Quando ti mettono in cassa non puoi non essere preoccupato. Ma c’è anche speranza perché a appunto la situazione è buona”.

Il lavoro, come detto, non mancherebbe. E i dipendenti questo vogliono fare: lavorare: “Ci hanno costretti a manifestare – conferma un altro ‘piaggista’ – Ci hanno portati a questo punto e così ora siamo qui. Vogliamo solo lavorare, punto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.