IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, vigili e carabinieri aggrediti e insultati durante la “Gran Fondo”

Due diversi episodi di cui si sono resi responsabili alcuni atleti che hanno partecipato alla gara

Loano. Prima le offese da parte di alcuni ciclisti “ritardatari” e desiderosi di proseguire ugualmente la corsa come se niente fosse, poi le ingiurie arrivate da un altro corridore vittima di “ladri di biciclette”.

E’ stata una giornata tutt’altro che tranquilla quella vissuta oggi dalle forze dell’ordine che si sono occupate di mantenere l’ordine e la sicurezza durante lo svolgimento della corsa ciclistica della “Gran Fondo Città di Loano”.

Nel primo pomeriggio di oggi, infatti, tre ciclisti che hanno preso parte alla corsa hanno aggredito verbalmente uno degli agenti della polizia municipale di Toirano. La commissione di gara aveva appena dichiarato la “fine corsa”, cioè la conclusione della gara vera e propria. In questi casi, il regolamento stabilisce che i corridori ancora presenti sul tracciato debbano rispettare il codice della strada come normalissimi utenti.

Nonostante questa prescrizione, i tre (che si trovavano in fondo alla comitiva di gara) stavano procedendo contromano rispetto al senso di marcia della strada che stavano percorrendo. Quando li ha notati, l’agente li ha subito invitati a rispettare il senso di marcia.

Per tutta risposta i tre atleti lo hanno insultato. Poi si sono allontanati. Per fortuna, però, il vigile è riuscito ad annotare i numeri delle pettorine dei tre biker e a riferirli ai suoi colleghi di Boissano.

Polizia Municipale di Toirano

A questo punto un altro agente ed una sua collega hanno subito raggiunto la “base operativa” della commissione di gara con l’intento di chiedere agli organizzatori le generalità dei tre ciclisti al fine di procedere nei loro confronti secondo quanto previsto dalla legge.

Una volta scesa dall’auto della municipale, però, l’agente donna è stata a sua volta aggredita verbalmente e spintonata da un corridore particolarmente turbolento, che lamentava di essere stata derubata di tre bici. Dopo aver inveito contro l’agente, l’uomo si è allontanato.

I due agenti hanno avvisato e chiesto la collaborazione dei carabinieri. Giunti sul posto, militari hanno avvicinato l’uomo ma questi, per tutta risposta, ha preso ad insultare anche loro.

I carabinieri non hanno avuto altra scelta che arrestare l’uomo, il quale ora deve rispondere dell’accusa di oltraggio a pubblico ufficiale e resistenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    Semafori e stop non vengono quasi mai rispettati. cmq basta rendere pan per focaccia, soprattutto nelle gallerie dove non si vedono e nessuna ha un dispositivo obbligatorio

  2. Scritto da hood

    Comportamenti che non sorprendono, molti ciclisti sulla strada sono arroganti forti del fatto che non sono identificabili con una targa. I Con le bici da corsa procedono in gruppo occupando la carreggiata e passano col rosso, mentre i ciclisti di città circolano sui marciapiedi. Meno male che sono considerati “utenti deboli ” !

  3. pepper71
    Scritto da pepper71

    Ok che non bisogna generalizzare ma se tanto mi da tanto trovare ciclisti educati è quasi come vincere al superenalotto, basta guardare per le strade i branchi che si muovono a mo’ di pecora e appostarsi ad un semaforo o ad una rotonda per vedere quanti rispettano il codice della strada. Vi ricordo che per legge qualsiasi tipo di ciclo deve essere munito di specchietto retrovisore, voi ne avete mai visti?

  4. Scritto da briant88

    Io avrei mandato ad esaminare il contenute delle borracce….

  5. Scritto da rapalino

    Strano che non li vedano normalmente per strada………..forse i signori ciclisti non lo sanno ma devono, o dovrebbero, rispettare il codice della strada SEMPRE e non fari i loro porci comodi……..educazione stradale anche per loro, altrimenti multe come agli altri utenti della strada.
    Comunque è inutile lamentarsi una volta una tantum quando certi comportamenti sono all’ordine del giorno.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.