Letimbro travolge Val Lerone e vola; si progetta il futuro
Seconda b

Letimbro travolge Val Lerone e vola; si progetta il futurorisultati

Savona. La corazzata gialloblù della Letimbro, unica formazione scesa in campo del girone B di Seconda categoria in questa diciasettesima giornata vittima del maltempo e dell’allerta meteo, vince la prima partita lontano dal terreno di gioco amico, gareggiando sotto una bufera di pioggia e vento e trionfando con un rotondo 4-0 ai danni del Val Lerone.

La vittoria, maturata grazie alla doppietta di Vanara e le reti di Ragone, alla prima marcatura stagionale, e di capitan Pellizzari, permette alla Letimbro di portarsi momentaneamente a +11 sulla sua diretta inseguitrice.

“Volevamo mettere un altro tassello al nostro percorso vincente e nemmeno il diluvio ci ha fermato“, dichiara la società sul suo account Facebook.

Nella giornata, invece, del 22 febbraio 2016 si è svolta la prima riunione del nuovo Consiglio della associazione U.S. Letimbro A.S.D. di Savona, dopo la composizione del gruppo dirigente.

“In questi ultimi mesi abbiamo avviato una fase di rinnovamento partita con la convocazione di un’assemblea aperta a tutti i cittadini del Santuario – spiega il comunicato dell’assoiciazione Letimbro, firmato dal presidente Ezio Alpino – nel novembre scorso e da li abbiamo cercato di tracciare le linee guida per una svolta”.

La fase di rinnovamento ha comportato una riduzione dei consiglieri, dopo che alcuni di loro, storici protagonisti dell’Associazione, hanno ritenuto opportuno, per motivi vari, non ripresentarsi alle elezioni. Si è quindi aperta una fase nuova con un impegno più convinto da parte di molti.

La voglia di fare deve essere il nostro credo, ridando un senso e un ruolo alla nostra Associazione – prosegue il comunicato – Noi crediamo nella “Letimbro di tutti”, che torni a diventare un punto di riferimento della nostra comunità senza chiuderci in noi stessi come forse abbiamo fatto erroneamente negli ultimi anni.
Quindi bisogna aprirci e confrontarci con tutti a partire dal nostro interno nel rapporto con i soci attraverso un coinvolgimento diverso, un consolidamento ed un incremento del tesseramento”.

Guardare al futuro significa muoverci su più fronti – aggiunge Alpino – I percorsi di queste settimane hanno, tra l’altro, creato una sinergia nuova con la categoria dei commercianti i quali hanno visto un loro rappresentante entrare nel Consiglio. Questo può portare idee nuove ai progetti che abbiamo e dare nuova linfa al paese senza abbandonare le strade maestre rispetto alle nostre iniziative sul territorio”.

“Ma una nuova progettualità significa anche essere una parte attiva per il rilancio del nostro territorio in una frazione un pò troppo dimenticata in questi anni dalle nostre istituzioni locali. Aprirsi vuole dire anche coinvolgere direttamente tutti i soggetti, gli abitanti, gli esercenti, i commercianti, i ristoratori, gli imprenditori che operano nella valle, gli stessi artisti che danno ogni giorno lustro al nostro territorio e lo fanno conoscere fuori dai confini”.

Il nostro obiettivo sarà anche aprire un rapporto costruttivo con l’amministrazione comunale di Savona – conclude il comunicato della società – in primis con l’Assessorato ai quartieri, la parrocchia del Santuario e conseguentemente con la Curia, le Opere Sociali.

La riunione del Consiglio ha individuato quali dovranno essere gli impegni dell’associazione nei prossimi mesi:
– Incontri mirati con l’amministrazione comunale per individuare le iniziative programmate sul territorio a cui aggregarsi.
– Richiesta d’incontro con le Opere sociali per capire il loro ruolo in questa comunità e quali collaborazioni si possono intraprendere.
– Incontri a breve con la parrocchia per capire se ci sono le intenzioni di contribuire a valorizzare di più il Santuario, la sua storia e farlo diventare polo di attrazione importante per i pellegrini e per il turismo in generale, attraverso la messa in campo di iniziative mirate a cui come associazione si può fornire un aiuto concreto.
Altresi si intende riaprire un confronto sulla sede di San Bernardo, da troppi anni considerata inagibile e su cui è calato il silenzio senza considerare la potenzialità che può esprimere nella funzionalità dei suoi locali (la sala teatrale) da poter sfruttare e riconsegnare al paese. Questo comporta mettere in campo investimenti coinvolgendo anche i privati e per questi motivi deve essere coinvolta anche la curia savonese.
– Partecipazione attiva alla festa patronale del 18 marzo, con lo stesso coinvolgimento alla fiaccolata della sera prima
– Collaborazione continua e proficua con la scuola primaria del Santuario, i cui risultati si sono visti anche in queste settimane con esiti proficui per l’organizzazione della manifestazione “Il Coriandolo d’Oro”.
– Avviare progetti di collaborazione con l’asilo infantile.
– Progettare in collaborazione con la scuola primaria del Santuario e l’Anpi provinciale, in concomitanza con le celebrazioni per la resistenza del 25 aprile, un incontro con i ragazzi della scuola elementare a cui fare partecipare un partigiano e un reduce della guerra, per raccontare loro le testimonianze di quel periodo storico del nostro paese.
– Supportare la nostra squadra di calcio U.S. Letimbro 1945, grande protagonista in questi ultimi anni del campionato di calcio di Seconda categoria e magnifica rappresentativa in questa stagione dei colori giallo-blu nella provincia con una cavalcata inesorabile che la può portare nelle prossime settimane a vincere il campionato e accedere alla Prima categoria.
– Partecipazione alla Festa dello Sport organizzata dal Comune di Savona e dall’Assessorato allo Sport per le giornate del 12-13 Marzo a cui siamo stati invitati con la presenza della nostra squadra di calcio e del suo gruppo dirigente.
Occasione per l’Associazione nell’ambito di un gazebo di presentare la nostra storia fotografica e di immagini con gadget, trofei, video e dimostrazioni dei nostri calciatori per i tanti bambini presenti.
– Il rifacimento, nella frazione, del campo sportivo A. Briano con la stesura del manto in sintetico che, atteso da molti anni, sta per diventare realtà. In questi giorni inizieranno i lavori di questo centro polivalente (calcio e hockey) e si prevede l’inaugurazione per la fine di maggio. In questo contesto i ragazzi della U.S. Letimbro 1945 da giorni si stanno attivando con il comune di Savona per organizzare un percorso che porti a festeggiare l’evento che collimi con l’inaugurazione del campo e con la possibilità di mettere in campo una sagra di paese.
Contestualmente si potranno anche festeggiare i 70 anni della Letimbro.
Su questa idea l’Associazione sarà in prima linea per portarla avanti, con il supporto logistico e amministrativo del Comune e coinvolgendo le strutture della nostra zona: commercianti, esercenti, ristoratori etc.
Tutto questo cercando i fondi necessari a supporto.
– Il programma del 2016 comporta anche il nostro impegno che porterà alla prossima estate.
– Collaborazione per il periodo di agosto-settembre legato alle iniziative musicali di Santuario in Jazz, dopo il grande successo dello scorso anno con la venuta di Max Weinberg, batterista di Bruce Springsteen, che ha incantato con la sua musica e il suo gruppo il Santuario.
Le iniziative che programmerà il Comune vedranno la società parte attiva collaborando con gli esercenti per il supporto ai partecipanti.
– L’organizzazione della festa di San Bernardo a cui l’associazione è da sempre parte attiva con gli eventi collaterali.
– La festa di San Michele nel mese di settembre, con la passeggiata alla chiesetta, sita nella collina che domina la frazione, e il pranzo all’aperto.
– Il percorso delle feste natalizie, con l’organizzazione dei presepi al Palazzo delle azzarie ogni anno sempre più numerosi e originali e con una partecipazione alta di visitatori.

“In questo quadro di iniziative assume grande importanza la volontà per la nostra associazione di ricostituire la compagnia teatrale – prosegue il comunicato di Alpino – la quale può tornare, dopo anni gloriosi, a rappresentare le sue commedie anche dialettali, con i vecchi attori cercando di coinvolgere nuove leve, nella nostra zona ma anche sul territorio”.

“È una scommessa che abbiamo messo in campo e a cui crediamo con forza”, essendo stato questo settore negli anni il sostegno, anche economico, della Letimbro. A questo è legato anche l’evolversi della problematica della sala teatrale a cui si accennava in precedenza: “sarà nostro compito nel frattempo trovare altre locazioni nella zona per rappresentare gli spettacoli”.

Questo è quanto il nuovo consiglio della U.S. Letimbro A.S.D. ha messo in campo a cui certamente nel corso dell’anno si potranno aggiungere altre iniziative.
Tutto ciò può portare a nuovo entusiasmo e da un progetto come questo il nuovo gruppo dirigente vuole portare un contributo per fare rinascere il nostro territorio, la nostra valle e dare nuove motivazioni a questa comunità.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.