Investimento da 13 milioni di euro, apre il biodigestore di Cairo Montenotte - IVG.it
L'impianto

Investimento da 13 milioni di euro, apre il biodigestore di Cairo Montenotte

I rifiuti saranno sottoposti ad una fermentazione anaerobica che produrrà biogas e compost

Biodigestore

Cairo Montenotte. Con un investimento pari a 13 milioni di euro è pronto ad iniziare la sua attività il   biodigestore realizzato dalla società Ferrania Ecologia. Sorge sulle aree a margine della nuova variante di Ponte della Volta, nei pressi dell’ex maneggio della Marcella. Il grande biodigestore, fondamentale per consentire di centrare i parametri di legge nella raccolta differenziata dei rifiuti, è il primo in Liguria.

L’impianto trasforma i rifiuti organici, provenienti da raccolta differenziata, in compost ed energia elettrica attraverso un processo naturale compatibile con il territorio e rispettoso dell’ambiente. L’impianto occupa circa 7 mila metri quadrati coperti (su una superficie disponibile di 25 mila mq) all’interno delle aree industriali di Ferrania.

La società Ferrania Ecologia, che lo ha proposto, realizzato e che si appresta a gestirlo, è controllata per il 50% dalla società FG Riciclaggi di Claudio Busca, per il 25% da Finemme (società del gruppo Messina, proprietario delle aree di Ferrania) e per il 25% da Duferco Energia. A regime sarà in grado di trattare 30 mila tonnellate/anno di residuo umido e 15 mila di verde vegetale. I rifiuti saranno sottoposti ad una fermentazione anaerobica che produrrà biogas e compost. Il biogas sarà bruciato per produrre energia elettrica (centrale a biomasse) mentre il compost sarà venduto per essere utilizzato in vari settori industriali, nell’edilizia e come fertilizzante. Tutte le operazioni si svolgeranno in ciclo chiuso, dall’arrivo dei camion di rifiuti fino al compostaggio.

La cerimonia inaugurale è prevista domani  alla presenza del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il presidente della Provincia di Savona Monica Giuliano, il sindaco di Cairo Montenotte Fulvio Briano e i presidenti delle società azioniste di Ferrania Ecologia, Stefano Messina (gruppo Messina), Antonio Gozzi (Duferco Energia) e Claudio Busca (FG Riciclaggi) che è anche presidente di Ferrania Ecologia.

leggi anche
  • Investimenti
    Frana a Dego e Biodigestore: sopralluogo della Regione in Val Bormida
    vaccarezza giampedrone val bormida
  • Si comincia
    Ferrania, biodigestore pronto a partire: da febbraio energia elettrica e compost dai rifiuti organici
    Ferrania Ecologia impianto compostaggio (rendering)
  • Fuoco serrato
    Ferrania, i Cobas dicono “no” al biodigestore: mille domande “per andare al referendum”
    il biodigestore di Cairo
  • L'affondo
    Biodigestore, ambientalisti valbormidesi all’attacco
    il biodigestore di Cairo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.