Morte improvvisa

Dego, oggi l’ultimo saluto ad Annalisa Pomerano

Il funerale sarà celebrato nella chiesa parrocchiale di Dego

santa corona marcia

Pietra L. Saranno celebrati oggi pomeriggio i funerali di Annalisa Pomerano, la quarantasettenne di Dego scomparsa improvvisamente all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure dove era ricoverata dal scorso 31 gennaio per un’emorragia cerebrale. L’ultimo saluto è fissato per le 14,30 nella chiesa parrocchiale Sant’Ambrogio di Dego.

Annalisa Pomerano lascia il marito Roberto Pellerino, titolare dell’omonima concessionaria Peugeot in via Brigate Partigiane a Cairo e i due figli, Samuel di 22 anni e Loris, di 18.

La donna, secondo le ipotesi avanzate finora (per avere risposte certe bisognerà attendere l’esito degli esami microscopici sui campioni prelevati durante l’autopsia) potrebbe essere stata stroncata da una complicazione settica che ha provocato una meningite batterica. L’Asl 2 Savonese ha escluso che si sia “trattato di una meningite epidemica con trasmissione per via aerea da meningococco o da hemophilus”.

Secondo quanto ricostruito finora in seguito all’esposto dei famigliari, la signora Pomerano si era sentita male il 31 gennaio quando aveva accusato una emiparesi. Per soccorrerla era intervenuta l’automedica del 118 e la signora era stata trasportata all’ospedale di Cairo da dove, dopo essere stata sottoposta ad una Tac che aveva riscontrato un edema al cervello, era stata trasferita al Santa Corona. A Pietra Ligure la quarantasettenne era stata operata e poi ricoverata in Rianimazione. Nelle ultime settimane le sue condizioni erano in miglioramento tanto che doveva essere trasferita nel centro di riabilitazione. Martedì, però, si è presentata una complicazione improvvisa e la paziente non ce l’ha fatta.

A quel punto i famigliari hanno deciso di presentare un esposto ai carabinieri di Cairo per vedere chiaro sull’accaduto e la Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.