Sopralluoghi

Albenga, l’allarme di Ciangherotti: “Finti addetti dell’acquedotto, in realtà sono ladri”

rubinetto acqua

Albenga. Si presentano come addetti dell’acquedotto, con tanto di cartellino, e con la scusa di controllare i rubinetti “controllano” l’abitazione per un eventuale “colpo”. Ecco la nuova strategia (che poi purtroppo tanto nuova non è) messa in atto dai topi d’appartamento in questi giorni ad Albenga: a lanciare l’allarme è il consigliere di minoranza Eraldo Ciangherotti.

Vittime designate, come sempre in questi casi, le persone anziane e sole. “Suonano al citofono delle abitazioni, si presentano alla porta esibendo un cartellino identificativo dell’acquedotto, chiedono di controllare l’acqua che esce dai rubinetti e che potrebbe contenere bolle di gas – spiega Ciangherotti – per maggiore credibilità fingono di misurare l’acqua corrente in cucina o nei bagni con uno strumento a luce blu che emette uno strano odore”.

Peccato che il tutto sia una scusa per trascorrere del tempo nell’appartamento e capire se valga o meno la pena derubarlo: “Chiedono informazioni sul nucleo familiare, ‘mappano’ l’abitazione girando tra le stanze per conoscere la piantina dell’alloggio e poi… potrebbero tornare per svaligiare la casa”.

“Se vi capita di ricevere visite simili – è l’appello di Ciangherotti – avvisate i Carabinieri di Albenga contattando il numero 112. La rete criminale dei topi di appartamento se le sta studiando tutte per truffare la povera gente sola”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.