Garlenda, fallita la cooperativa "Il Ponte": il flop della Borgata Nuova - IVG.it
Crac edilizio

Garlenda, fallita la cooperativa “Il Ponte”: il flop della Borgata Nuova

Complice la crisi del mercato immobiliare, per la cooperativa edilizia non è andata a buon fine la ristrutturazione del debito

Garlenda. La ristrutturazione avviata due anni per risolvere i gravi problemi finanziari non è andata a buon fine, complice la grave crisi del settore immobiliare ma non solo e così per la cooperativa “Il Ponte” di Garlenda, che ha realizzato la Borgata Nuova con la nuova sede del Comune, la nuova farmacia, abitazioni private e locali per negozi ed esercizi pubblici e commerciali (rimasti praticamente vuoti, così come parte degli alloggi invenduti), si apre la strada della procedura fallimentare con i libri contabili arrivati in Tribunale a Savona.

Per chi ha già acquistato casa non ci saranno rischi, sembra, mentre le altre case non vendute e ancora di proprietà della cooperativa edilizia saranno messe all’asta.

La cooperativa “Il Ponte”, che fino ad un anno e mezzo fa aveva come socia anche l’attuale sindaco Silvia Pittoli e che era già finita al centro delle polemiche per controlli e accertamenti della Guardia di Finanza, era nata per realizzare la nuova Borgata di Garlenda che nelle intenzioni dell’ex sindaco Giuliano Miele avrebbe rilanciato e rivitalizzato il paese dell’entroterra albenganese.

La sentenza di fallimento è arrivata alla vigilia di Natale, un crac in parte annunciato e che avrà pesanti ripercussioni per la località albenganese. Curatore fallimentare è stato nominato Giuseppe Auxilia: la prima udienza sul grave status finanziario della cooperativa si terrà il prossimo 16 marzo presso il Tribunale di Savona.

leggi anche
  • Veleni
    Garlenda, fallimento cooperativa “Il Ponte”. Il presidente: “Ci siamo arresi”. Polemica dell’opposizione
    Borgata Nuova Garlenda

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.