IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, il presepe “barocco” della Liguria in trasferta al Quirinale

Sarà ospite della mostra voluta dal capo dello stato Sergio Mattarella aperta durante le festività natalizie nella Galleria Alessandro VII

Regione. Il presepe della Regione Liguria è ospite della mostra voluta dal capo dello stato Sergio Mattarella aperta durante le festività natalizie nella Galleria Alessandro VII. All’inaugurazione , in programma domani alle 17, parteciperà il presidente Giovanni Toti insieme con l’assessore alla cultura Ilaria Cavo.

La mostra comprende 21 presepi provenienti da tutte le regioni italiane e dalle province autonome di Trento e Bolzano per celebrare l’arte e la tradizione italiana. Con l’ausilio di Giulio Sommariva, conservatore del Museo dell’Accademia Ligustica e studioso del presepe storico e la collaborazione della direzione cultura (settore musei e niblioteche) del Comune di Genova e della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Liguria, la Regione ha scelto e selezionato una serie di figure, appartenenti alle collezioni civiche del museo Giannettino Luxoro di Genova-Nervi.

Il gruppo di preziose statue, quindici pezzi tra figure e animali databili alla seconda metà del XVIII secolo, illustrerà un aspetto del presepe genovese settecentesco. Un fenomeno complesso, che si sviluppò dagli inizi del Seicento fino ai primi decenni del XIX secolo, e che vide a Genova numerose botteghe di intagliatori impegnate nella realizzazione di figure a manichino ligneo articolato, parzialmente policromato e rivestito con abiti in tessuto realizzati da sarti e ricamatori, mentre orefici, argentieri e artigiani vari provvedevano ai piccoli accessori.

Il presepe esposto al Quirinale rievoca un significativo esempio della interpretazione “genovese” del presepe barocco: la Madonna, infatti, indossa una sontuosa veste di foggia seicentesca spagnola, impreziosita da galloni dorati e reca sul capo una corona d’argento, ricordo dell’incoronazione della Vergine “Regina di Genova” nel 1637. Le vestiture dei pastori e dei popolani rispecchiano invece le varietà dell’abbigliamento delle classi meno abbienti e documentano l’uso del tessuto , della tela “jeans”, il celebre “blu di Genova”, nell’abbigliamento popolare.

L’allestimento scenografico di Giulio Sommariva valorizza le splendide figure e si avvale di elementi in cartone scontornato e dipinto, i cosiddetti “cartelami” della tradizione ligure, realizzati con attenzione filologica agli antichi modelli da Luigi Fontana, titolare del Corso di decorazione all’Accademia Ligustica di Belle Arti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.