IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In pullman con 2 chili di marijuana in valigia: una 22enne in manette a Savona fotogallery

La ragazza, che rientrava dall'estero, è caduta nella rete dei controlli delle Fiamme Gialle: il fiuto del cane Buddy ha trovato lo stupefacente

Più informazioni su

Savona. Due chili di marijuana purissima. E’ il “bagaglio” con il quale viaggiava una ragazza di 22 anni, di nazionalità italiana, controllata questa mattina a bordo di un pullman di linea proveniente dall’estero e diretto verso il centro Italia. Per la ventiduenne sono ovviamente scattate subito le manette con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Ad arrestarla sono stati i militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Savona, nell’ambito dei servizi di prevenzione predisposti nel corso delle festività natalizie. L’operazione è nata appunto da un controllo sui passeggeri di un autobus che faceva scalo a Savona. Ad insospettire le Fiamme Gialle è stato l’atteggiamento particolarmente nervoso e agitato della ragazza italiana che subito ha spiegato di essere di ritorno in Italia per il Capodanno.

Nonostante la ragazza fosse incensurata ed apparentemente insospettabile i militari hanno preferito effettuare un controllo più approfondito. E così è intervenuto il fiuto di Buddy, un bellissimo pastore tedesco delle unità cinofile della Guardia di Finanza, che senza indugio si è diretto verso il bagaglio della giovane segnalando la presenza della sostanza stupefacente.

La droga, probabilmente acquistata all’estero, era stata abilmente nascosta in un vano della valigia tra i capi di abbigliamento, posizionata in due involucri flessibili e fasciati con pellicole in PVC di colore nero nel tentativo di depistare l’olfatto dei cani antidroga.

Un accorgimento che non ha evitato il ritrovamento della sostanza stupefacente da parte di Buddy ed il conseguente arresto dell’insospettabile corriere.

Dalla sostanza stupefacente, sarebbe stato possibile ricavare fino a 2000 dosi, per un ricavo complessivo di qualche migliaio di euro.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Se bisogna legalizzare la mariuana e/o l’hashis allora sono da legalizzare tutte le droghe e tutti gli stupefacenti. TUTTI senza distinzione. Almeno non si spenderebbero soldi pubblici per fare sequestri, spiate, arresti e per non parlare di ciò che accade in sudamerica, medioriente e in tutto il resto del mondo per combattere i grandi boss della produzione e dello spaccio. Mettiamo i distributori automatici a fianco alle macchinette del caffè: chi la vuole se la compra come fosse al supermercato. Così assisteremo ad un nuovo film girato dal vivo in un enorme set cinematografico: ” Il ritorno degli Zombie”.

  2. Scritto da El Rey del Mundo

    Non credo a ciò che leggo
    ..incredibile: ci sono dei degenerati mentali che lodano la spacciatrice e giustificano lo smercio e lo spaccio di droga. Peccato che non lo faceva per beneficenza bensì per lucro! Se poi vogliamo liberalizzare tutta la droga io sono il primo a votare per il sì. Comunque tu rimani un vero cretino.

  3. pepper71
    Scritto da pepper71

    Pur non essendo un estimatore della sostanza sono fermamente convinto che l’idea di illegalità che si è formata intorno ad essa è veramente ipocrita, perchè se vogliamo rendere illegali le cose che danneggiano la salute dovremmo iniziare dalle sigarette, dall’alcool e probabilmente anche col caffè e il fritto che danneggiano quasi sicuramente piu’ dell’erba…..

  4. Scritto da gian_runo

    grazie a dio ci sono ancora donne vere disposte a fare cose come questa, veramente triste esistano ancora idioti che condannano l erba e veramente triste che questa ragazza ora passera un sacco di problemi per aver cercato di portare un po di sana erbazza giu in italia.
    Le auguro il meglio possa accaderle tante canne una bella medaglia all onore, una anche a tutti i finti moralisti palloni che come al solito criticheranno senza sapere di che diavolo parlano
    buon annoino e tante canneeeeeeee

  5. Scritto da El Rey del Mundo

    Teneteli a bada questi cani dal fiuto infallibile, altrimenti in questi giorni dovreste arrestare mezza Savona e provincia…Qui molti “arrotondano” allegramente!