IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex cantieri Rodriquez, De Vincenzi: “Salvare i posti di lavoro”

Pietra L. “Salvaguardare la continuità occupazionale e il reddito dei lavoratori degli ex Cantieri Navali Rodriguez di Pietra Ligure”. Lo chiede il consigliere regionale del Partito Democratico Luigi De Vincenzi, con un’interrogazione illustrata oggi in Consiglio e a cui ha risposto l’assessore Berrino assicurando che per gennaio è fissato un incontro con tutti i soggetti interessanti.

L’interrogazione di De Vincenzi parte dall’incontro del 16 novembre con i sindacati, presso la sede savonese di Confindustria, In quell’occasione la proprietà (la Società Intermarine) “non ha accettato – ricorda il consigliere del Pd – la richiesta di ritirare i provvedimenti di mobilità a carico dei 9 operai ancora dipendenti della Società stessa”. Nel 2007, però, ricorda De Vincenzi era stato firmato in Regione un Protocollo d’Intesa “per il superamento delle criticità derivanti dalla trasformazione dei Cantieri Navali di Pietra Ligure”, e a firmarlo erano stati i rappresentanti di Regione Liguria, Provincia di Savona, Comune di Pietra Ligure, società Rodriquez Cantieri Navali, Unione Industriali della Provincia di Savona e i rappresentanti sindacali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil e della Rsu sindacale”.

Un altro protocollo d’intesa era stato poi siglato il 14 marzo dell’anno 2014, ma il 23 ottobre scorso la società Intermarine ha inviato a tutti i lavoratori una lettera che aveva per oggetto: “Procedura di mobilità-Comunicazione preventiva ai sensi del combinato disposto dagli art. 4 e 24 della legge 223/91 e successive modifiche”.

Un accordo in palese contrasto, spiega De Vincenzi, “con quelli del 2007 e del 2014. Anche il Comune di Pietra Ligure è sceso in campo al fianco dei lavoratori con un ordine del giorno, senza contare che negli accordi non si prevedeva soltanto la salvaguardia degli attuali posti di lavoro”, ma, continua De Vincenzi, “anche nuovo insediamento produttivo legato all’attività cantieristica, garanzia di nuovi e ulteriori posti di lavoro”. A Questo punto tocca alla giunta regionale “intervenire per salvaguardare la continuità occupazionale e il reddito dei lavoratori interessati, e per far rispettare gli accordi sottoscritti a partire dal 2007”.

Berrino, in aula, ha confermato l’impegno, il quale ha chiarito che, nell’ottica del rispetto degli accordi a suo tempo sottoscritti, ha convocato per lo scorso 16 dicembre un incontro, al quale erano presenti, però,  soltanto le organizzazioni sindacali, ma non i Comuni interessati e neppure Intermarine.

Berrino ha detto che sembrerebbe esserci la disponibilità ad un nuovo incontro soltanto per gennaio. E l’assessore, quindi, intende riconvocare la riunione per il prossimo mese. Berrino ha quindi spiegato  che Regione Liguria non può “indurre le parti a partecipare ai tavoli”, ma ha ribadito l’impegno per la salvaguardia occupazionale dei lavoratori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.