Volley maschile serie d/a

Celle Varazze supera i Barbudos e li affianca in vettarisultati

Maremola Volley

Savona. Barbudos fermati da Celle Varazze volley, che affianca il team albenganese in vetta: questa la grande sorpresa della sesta giornata del girone A di Serie D maschile di pallavolo, una svolta che riapre tutta la corsa alla promozione.

Il momento culmine della settimana è stato la gara serale di domenica 13 dicembre, quando a Celle Ligure Celle Varazze volley e Barbudos Scv Albenga si sono scontrate per la guida della classifica del girone; è stata una gara tesa e a lungo equilibrata, con una partenza forte dei padroni di casa e l’immediata risposta degli ospiti. Nel terzo e nel quarto set, però, il team di Celle e Varazze ha cambiato passo, mandando due volte al tappeto di combattenti Barbudos e prendendosi tre preziosissimi punti. Nonostante una sconfitta in più, in virtù delle nette vittorie, Celle Varazze ha così affiancato Albenga al primo posto del girone, a quota 14 punti.

Nella gara per il primo posto, però, da registrarsi anche la sorprendente e netta sconfitta del Loano volley, che ad Alassio cede 3-0 davanti a un I Golfi davvero in forma; i tre punti così conquistati sganciano dalla coda della classifica i ragazzi della Riviera e fermano al terzo posto i loanesi. La gara è stata disputata in anticipo, lasciando così spazio – anche psicologico – al Celle Varazze per affrontare il loro match consci della grande possibilità.

A chiudere il quadro del girone A è stata la gara di domenica sera giocata a Carcare, dove l’Avis ha prevalso sul Maremola volley; per decidere il team vincente, però, si è reso necessario un tesissimo tie break, conclusosi 15-12 per i padroni di casa. Proprio l’Avis Carcare era andata sopra 1-0, prima che il Maremola rimontasse e giungesse addirittura al 1-2. Lo sforzo finale ha consentito ai biancorossi di rimontare e sopravanzare, al quinto set, gli avversari, per i primi due punti della stagione in Serie D.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.