Chiarimenti

Albenga, i vigili contro il Comune per i compensi. Il comandante: “Non ci sarà alcun taglio”

Per il comandante Gianluigi Soro si è trattato solo di un malinteso: "I fondi non diminuiranno, i compensi resteranno invariati"

polizia municipale albenga - centrale operativa

Albenga. “Finora non ci è arrivata alcuna richiesta ufficiale. L’amministrazione, comunque, è disponibile a spiegare agli agenti e ai loro rappresentanti sindacali come stanno effettivamente le cose. Credo che tutta questa vicenda sia dovuta ad un errato (o parziale) passaggio di informazioni”. Così il comandante della polizia municipale di Albenga Gianluigi Soro ridimensiona il caso del cosidetto “ammutinamento” degli agenti del comando ingauno.

A scatenare il caso sarebbe stata l’intenzione dell’amministrazione Cangiano di rivedere la distribuzione delle risorse finanziarie messe a disposizione per coprire i turni, gli straordinari e le reperibilità dei vigili. Gli agenti (e anche i sindacati) temono che la mini-manovra economica messa in atto dalla giunta possa portare ad un ridimensionamento dei compensi e così nei giorni scorsi molti agenti avrebbero presentato all’ufficio protocollo richiesta di mobilità verso un altro comando.

In realtà, queste richieste non sarebbero ancora arrivate sulla scrivania del comandante: “Ad oggi – spiega Soro – non ci è stata ancora presentata alcuna richiesta ufficiale. Tra ieri e oggi ho avuto modo di ‘ricostruire’ la questione confrontandomi con i colleghi. Per il momento nessuno degli agenti ha chiesto la mobilità o il trasferimento verso altro ufficio. Per il momento, quindi, credo si tratti più di un’ipotesi che non di un’azione concreta”.

Albenga - polizia municipale

Gli agenti, come detto, temono che l’amministrazione comunale non voglia più pagare loro straordinari, indennità di turno e reperibilità. “Non è affatto così – precisa meglio il comandante, che avendo anche esperienza di dirigente del personale a Loano conosce piuttosto bene la materia – La giunta ha semplicemente deciso di ristrutturare il fondo per il trattamento accessorio dei dipendenti. Di cosa si tratta: ogni settore della pubblica amministrazione ha un proprio contratto collettivo nazionale che stabilisce compensi e indennità minime. Ciascun Comune o ente pubblico, poi, gestire in maniera autonoma i compensi aggiuntivi appunto per turni, reperibilità, scatti di anzianità e straordinari”.

“Per quanto riguarda il fondo in questione, a livello nazionale sono cambiate le regole e quindi il Comune di Albenga ha deciso di rivedere la ripartizione delle risorse a disposizione. Il totale dei denari non cambierà: semplicemente, i soldi saranno ridistribuiti in maniera diversa rispetto ad ora. Ciò non significa che i compensi verranno ridotti o eliminati. Anzi: le cose resteranno esattamente come sono adesso. Gli agenti, quindi, continueranno a percepire gli stessi compensi accessori che percepiscono attualmente”.

polizia municipale albenga - centrale operativa

Una delle modifiche previste dall’amministrazione riguarda la reperibilità degli agenti: “Nell’ottica di ridurre la spesa, abbiamo valutato la possibilità di fare accollare la responsabilità della reperibilità (che prevede di presentarsi al comando entro mezz’ora in caso di necessità o emergenza) al comandante o ai commissari, che in quanto titolari di posizione organizzativa già ricevono un compenso forfettario per la reperibilità. Coinvolgendo prima di tutto i vertici del comando, quindi, si potranno ridurre i costi per questo genere di straordinario richiesto agli agenti”.

Le risorse risparmiate in questo modo potranno essere dirottate altrove: “Potremo coprire meglio gli scatti di carriera o i premi di produttività. L’ammontare del fondo, come detto, non cambierà e gli agenti continueranno a ricevere i loro compensi attuali”.

Il “caso” (che subito era sembrato del tutto identico a quello avvenuto qualche giorno fa a Finale Ligure) sembra destinato a ridimensionarsi: “Personalmente credo che a causare questa situazione sia stata una carenza di informazione o un’informazione data in modo non del tutto corretto. Io e il sindaco Giorgio Cangiano, comunque, ci siamo subito detti disponibili a chiarire la questione agli agenti e ai sindacati. Speravamo di farlo già questa mattina, in occasione del ‘brindisi’ di Natale con i dipendenti, ma i rappresentanti dei lavoratori hanno preferito rimandare”.

leggi anche
polizia municipale finale
Quale verità?
Finale, vigili urbani. Uil: “Grave situazione”. Sindaco e comandante smentiscono pressioni e minacce
Consiglio Comunale Finale Simonetti
Braccio di ferro
Finale, vigili urbani in rivolta: bagarre e polemica in consiglio comunale
polizia municipale finale
Pesanti accuse
Finale Ligure, la rivolta dei vigili urbani: “Pressioni e condizioni inaccettabili”
Albenga - polizia municipale
Faccia a faccia
Albenga, faccia a faccia tra Comune e vigili per i compensi. Cangiano: “Equivoci chiariti”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.