Gemelli diversi

Porto di Savona, Rifondazione e Lega uniti dalle critiche verso l’intervento di Serracchiani fotogallery

Dalla segreteria del Prc e dai consiglieri comunali leghisti di Albenga un coro unanime: "Il porto di Savona-Vado non si tocca"

Debora Serracchiani a Savona

Savona. Due partiti lontani anni luce politicamente, ma per una volta uniti su uno dei temi caldi delle ultime settimane: la portualità. Dopo l’incontro di sabato in sala rossa a Savona, la segreteria provinciale di Rifondazione Comunista, ma anche il gruppo consiliare della Lega Nord di Albenga hanno preso posizione per dire no all’accorpamento del porto di Savona con Genova.

“Il partito della Rifondazione Comunista – si legge nella nota del Segretario provinciale Rifondazione Comunista Fabrizio Ferraro e del componente della segreteria Silvio Pirotto -, a seguito della Conferenza sulla problematica portuale savonese e l’intervento del Vice segretario nazionale del Partito Democratico, Debora Serracchiani, ritiene sia doveroso sottolineare la propria contrarietà con quanto prevede il ministero sull’accorpamento delle autorità portuali in tutto il paese”.

“L’intervento della Serracchiani ha dimostrato con motivazioni tecnico-politiche le deboli posizioni governative in merito, peraltro non coerenti con la realtà. La necessità di superare i vari provincialismi e quella di fare sistema si è arenata sulla fragile proposta di accorpare Genova e Savona, non sulla creazione di un sistema dell’alto Tirreno che vada dal nostro capoluogo di provincia a Livorno, e che avrebbe dato forza alle sue teorie. L’arroganza e il superficialità usati indicano la subordinazione ai veri provincialismi dei potentati locali legati ad interessi locali e non generali. La conferenza tenuta presso la Sala Rossa ha fatto emergere la debolezza politica della classe dirigente locale del partito democratico, il quale non è riuscito, nonostante avesse una situazione portuale favorevole, a farle valere nell’interesse del nostro territorio. Gli effetti negativi si faranno sentire negli anni futuri, in quanto il potere genovese non permetterà l’ulteriore sviluppo della nostra portualità” proseguono gli esponenti del Prc.

“In questa situazione di gravità, bisogna creare un forte segnale da parte di tutta la comunità politica e sindacale. La nostra solidarietà va a tutti i lavoratori del porto, i quali stanno sostenendo una battaglia importante, che devo trovare un riscontro nella cittadinanza ed un impegno maggiore nelle stesse forze politiche, sindacali e sociali” concludono Ferraro e Pirotto.

Parole alle quali fanno eco quelle dei consiglieri comunali albenganesi del Carroccio Rosy Guarnieri e Cristina Porro: “Noi siamo ingaune e in tema di porti negati da un po’ dovremmo intendercene, visto che sono più o meno duemila anni che lo aspettiamo invano”.

“Dobbiamo dire che vedere la Serracchiani – una del Friuli Venezia Giulia che viene a parlare di portualità ai liguri – a Savona che dice ‘no, state tranquilli, nella riforma dei porti non si parla né di annessione né di fusione’, un po’ ci ricorda, in situazioni diverse ma purtroppo molto simili, l’allora assessore regionale alla sanità Montaldo che diceva ‘no, state tranquilli, il pronto soccorso di Albenga diventerà punto di primo intervento ma non declassato’, all’onorevole Vazio che diceva ‘no, state tranquilli, ci batteremo perché il tribunale di Albenga rimanga aperto’ e, prima di loro, l’allora presidente della Regione Burlando che diceva ‘no, state tranquilli, ostetricia resterà all’ospedale di Albenga’. E gli esempi possono andare avanti all’infinito” attaccano Guarnieri e Porro.

“Nel frattempo, mentre noi stavamo tranquilli, il territorio ha perso ostetricia, il tribunale e il pronto soccorso. Quindi, cari amici savonesi, questo ricorda da vicino un film già visto molte altre volte: altro che ruspa, questi usano il bulldozer. E noi , ogni volta che sentiamo dire ‘state tranquilli’, un po’ come quel presidente del consiglio che doveva stare sereno, tanto tranquille non ci sentiamo” concludono i due consiglieri leghisti.

leggi anche
Debora Serracchiani a Savona
La delucidazione
Riforma dei porti, Serracchiani: “Le dinamiche locali verranno gestite a Savona: il campanile resterà in piedi”
cronaca
Decisioni
Riforma dei porti, Debora Serracchiani ne parla in Sala Rossa a Savona
Debora Serracchiani a Savona
Le perplessità
Accorpamento Autorità portuali, il Pd savonese: “Gli argomenti non ci convincono”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.