Serie a1

La Carisa Savona piega la tenace matricola Trieste con un gol a 4″ dalla sirenarisultati

L'anticipo serale del settimo turno regala numerose emozioni; i biancorossi la spuntano sul filo di lana

Carisa Savona - Canottieri Napoli

Savona. La partita tra Carisa Savona e Trieste, in anticipo serale, era preannunciata come la più interessante della settima giornata. Due squadre separate da un solo punto in classifica, con la formazione di casa determinata ad evitare la terza sconfitta consecutiva, dopo quelle con Brescia e Roma Vis Nova, e i giuliani all’inseguimento del terzo successo di fila.

L’incontro giocato alla “Zanelli” non ha deluso le aspettative, regalando forti emozioni ai circa trecento spettatori presenti. Una prima metà di gara all’insegna del continuo botta e risposta, con le due squadre quasi perfette in superiorità numeriche, ha portato a 7 reti per parte. Nel terzo tempo, inevitabilmente, la lucidità è calata, ma non l’agonismo: le due compagini hanno dato tutto fino alla sirena e il risultato ha premiato i padroni di casa.

Il primo pallone al centro è di Milakovic; lui stesso va al tiro, Jurisic para. La prima superiorità, con Rocchi nel pozzetto, viene tramutata in gol da Alesiani, tra qualche protesta degli ospiti che dubitano sul fatto che la palla sia entrata interamente. Il Savona si trova in doppia inferiorità numerica e Petronio pareggia i conti.

Cesini e Milakovic ci provano dalla distanza, dato che l’attacco savonese è imbrigliato dalla zona avversaria; entrambi non spaventano il portiere. Espulsione di Piombo, Piccardo chiama il time-out. Elez serve Popovic che insacca: Trieste in vantaggio.

Giovanni Bianco conquista un rigore: Milakovic lo trasforma. A 2’18” dalla fine del tempo il punteggio è 2 a 2. Lo stesso Milakovic, poco dopo ruba palla a centrocampo; Giacomini viene espulso per fallo su Sadovyy. Time-out, Angelini detta la strategia, Alesiani realizza. Si segna solo in superiorità; il primo gol a uomini pari arriva a 56″ dal termine: lo segna Milakovic. Quest’ultimo viene espulso e con 3 secondi da giocare l’ex Elez trafigge Antona. Il primo tempo termina 4 a 3.

Nella prima azione del secondo tempo bel movimento del centroboa Giovanni Bianco: palla sul palo. Poco dopo Jurisic si oppone ad una conclusione velenosa di Pesenti. Ancora Savona: Lorenzo Bianco ha troppa fretta e tira a lato. Trieste è più concreta: a 6’04” da metà gara Petronio va in gol a uomini pari.

Piombo commette fallo su una ripartenza ospite; time-out e alla ripresa del gioco Petronio colpisce ancora. Parziale di 3 a 0 per Trieste, che rimette la testa avanti. Immediata la risposta del Savona: conclusione di Cesini, deviazione di Rocchi e sfera in rete. Nel pozzetto c’era Turkovic: entrambe le squadre sono andate sempre a bersaglio in superiorità.

Antona è bravo ad opporsi ad una conclusione di Popovic, che poco dopo viene espulso. A 3’47” Sadovyy si eleva su un assist no look di Milakovic e spinge il Savona al sorpasso. Trieste pareggia ancora: Sadovyy commette fallo, ma non grave; lui si dirige verso il pozzetto, quando si rende conto di non essere stato espulso, Guimaraes ha già segnato. Fasi concitate sulle panchine, Angelini viene ammonito.

Si continua a segnare con facilità: nuova superiorità per il Savona e Alesiani, a 1’26”, fa partire una conclusione vincente. Ancora emozioni prima del cambio vasca: Savona due volte con l’uomo in meno nella stessa azione; Antona para il primo tiro di Guimaraes, ma non il secondo. Si arriva a metà gara sul 7 pari.

Nel primo minuto del terzo tempo il Savona perde il 100% in superiorità; fuori Turkovic, il tiro di Lorenzo Bianco si spegne a lato. Poco più tardi Mistrangelo centra il palo dalla distanza. Elez va nel pozzetto e dopo 2’48” Sadovyy realizza il nuovo +1 locale.

Giovanni Bianco prova il tiro, Jurisic devia sulla traversa. Popovic subisce fallo grave da Colombo; Piccardo chiama a raccolta i suoi ma la Carisa sventa l’azione ospite. Gomez espelle Sadovyy per una trattenuta al portiere; la superiorità numerica giuliana viene trasformata da Rocchi. Protesta la panchina savonese, cartellino rosso per il team manager Franco Bigatti.

Angelini con un time-out dà le istruzioni per l’ottava giocata con l’uomo in più, ma le reti restano sei, a causa del pressing ospite che ostacola bene l’azione savonese. Antona si oppone ad una beduina di Popovic; la terza frazione finisce 8 a 8.

Nel quarto tempo la rete del vantaggio savonese arriva dopo 2′ con Alesiani da posizione centrale. Piccardo se la prende con Rocchi, reo del fallo in ripartenza che ha permesso l’azione savonese. Dalla panchina ospite viene espulso il dirigente Alessandro Maizan. Immediato, dopo soli 21″, il pareggio di Petronio. Alesiani ruba palla ad Elez, la Carisa va in contropiede tre contro due e Mistrangelo va a segno con un tiro nell’angolo corto. Elez si riscatta e pareggia con rabbia: 10-10 a 4’09” dalla fine.

Trascorrono 27″ e Mistrangelo sferra il diagonale vincente per il nuovo +1 locale. Espulsione definitiva per Sadovyy ma Antona para il tiro di Petronio. Trieste perde un possesso palla, ma sull’azione seguente viene espulso Lorenzo Bianco. Cartellino rosso per il vicepresidente Giuseppe Gervasio; time-out chiamato da Trieste. Anche Mistrangelo commette fallo grave, ma non esce. Espulsione definitiva e rigore che Elez, a 26″ dal termine, trasforma. Mancano 18″, Angelini chiede il time-out. Elez va nel pozzetto e a 4″ dal termine Milakovic fa partire il missile vincente: 12 a 11 e tutti i tifosi savonesi in piedi ad esultare.

La neopromossa Trieste esce dalla “Zanelli” sconfitta ma a testa alta, dopo aver dato vita ad un incontro avvincente, degno della Serie A1. Per la Carisa Savona un successo che fa morale, in previsione del prossimo turno, ancora in anticipo al venerdì sera, in trasferta con l’Acquachiara.

L’allenatore Alberto Angelini commenta così la partita: “Le vittorie sudate, all’ultimo secondo sono quelle che rimangono impresse e che danno la giusta spinta al gruppo che ha bisogno di trovare la mentalità vincente. Di solito non parlo mai dei singoli, ma questa sera devo dire che sono contento della prestazione di Milakovic perché deve diventare la nostra guida ed oggi lo è stato ed ha anche realizzato il gol della vittoria”.

Il tabellino:
Carisa Rari Nantes Savona – Pallanuoto Trieste 12-11
(Parziali: 4-3, 3-4, 1-1, 4-3)
Carisa Rari Nantes Savona: Antona, Alesiani 4, Pesenti, J. Colombo, L. Bianco, Cesini 1, Mistrangelo 2, Milakovic 3, G. Bianco, Piombo, Mensi, Sadovyy 2, Zerilli. All. Angelini.
Pallanuoto Trieste: Jurisic, Podgornik, Petronio 4, F. Ferreccio, Giorgi, Giacomini, B. Popovic 1, Rocchi 1, Elez 3, Berlanga, De Freitas Guimaraes 2, Turkovic, Vannella. All. Piccardo.
Arbitri: Fusco e Gomez.
Note. Superiorità numeriche: Savona 7 su 10 più 1 rigore segnato, Trieste 6 su 9 più 1 rigore segnato. Usciti per limite di falli: Sadovyy e Mistrangelo nel quarto tempo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.